Articolo 62: Cia, strumento indispensabile ma escludere i mezzi tecnici


Le disposizioni contenute nell’articolo 62 del pacchetto liberalizzazioni varato dal governo rappresentano uno strumento indispensabile per garantire la trasparenza dei rapporti all’interno della filiera e rafforzare il potere contrattuale del mondo agricolo”. Lo precisa la Cia il presidente della Cia Emilia Romagna Antonio Dosi, sottolineando che “l’obiettivo condiviso è di porre fine alle pratiche commerciali sleali: queste ultime creano condizioni contrattuali che, nei fatti, determinano prezzi reali palesemente al di sotto del costo di produzione medio dei prodotti agricoli”.
Si assiste, però – scrive Dosi – ad interpretazioni non giustificate che finiscono per coinvolgere nell’area di applicazione prodotti di origine agricola che hanno realmente la caratteristica di mezzo tecnico di produzione consumato direttamente dall’azienda agricola. Mezzi tecnici finalizzati alla produzione di prodotti agricoli destinati o non destinati all’alimentazione umana, quali mangimi, piante e sementi.
Dosi giudica inoltre “paradossale l’immotivato tentativo di includere, nell’ambito di applicazione dell’art.62, questi mezzi tecnici per i quali, peraltro non si rileva squilibrio nelle rispettive posizioni ‘di forza commerciale’ tra venditore e acquirente.
E’ in questo quadro che il presidente della Cia Emilia Romagna apprezza l’impegno del ministro del Mipaaf, Mario Catania, a fornire chiarimenti “ed a verificare se ci sono correttivi da apporre e miglioramenti o se, invece, ci sono aspetti che non funzionano. Auspichiamo anche – afferma Dosi – che via sia una interpretazione in grado di accogliere la nostra tesi, ovvero che l’acquisto di mezzi tecnici da parte degli agricoltori non rientri nell’ambito dell’applicazione dell’art 62”.
“In caso di non accoglimento della nostra tesi, a nostro giudizio gravemente penalizzante per gli agricoltori e per l’equilibrio finanziario delle proprie imprese, sarebbe comunque necessario un congruo periodo transitorio per l’applicazione.
Segnaliamo inoltre l’esigenza – conclude Dosi – di prevedere deroghe nei casi di fornitura diretta di piccoli quantitativi di prodotti agricoli agli esercizi di commercio al dettaglio o di vendita, a livello locale, al consumatore finale. Ciò per evitare che questi elementi di criticità – che devono essere risolti con provvedimenti normativi successivi – non vadano a compromettere equità ed efficacia al provvedimento o possano inficiare il valore e il percorso di applicazione dell’art.62”.

Un Commento in “Articolo 62: Cia, strumento indispensabile ma escludere i mezzi tecnici”

  • FRANCO scritto il 26 novembre 2012 pmlunedìMondayEurope/Rome 16:58

    non ho ancora capito quali sono i mezzi tecnici.
    C’è un elenco di questi?

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.