Pratiche sleali: le cooperative chiedono un intervento dell’Ue in linea con l’articolo 62


E’ necessario che anche l’Europa decida per un intervento normativo, in linea con quanto ha fatto l’Italia con l’art.62 che regola le relazioni commerciali tra produttori e distributori. Lo afferma l’Alleanza delle cooperative agroalimentari, rammaricata per il mancato accordo sulla regolamentazione contro le pratiche sleali nella filiera alimentare ufficializzata dalla Commissione europea. “Dopo quasi un anno di confronti e nonostante le proposte di compromesso messe sul tavolo dal Copa-Cogeca – commenta l’Alleanza delle cooperative – è emersa l’impossibilità di raggiungere un accordo su aspetti imprescindibili per agricoltori e cooperative italiane ed europee, come la definizione di sanzioni efficaci in caso di mancato rispetto dei principi sanciti e la garanzia dell’anonimato nel sistema di composizione delle controversie”. L’Alleanza quindi auspica che “che in occasione del Forum europeo sul funzionamento della catena alimentare prevista per il 5 dicembre, la Commissione europea annunci iniziative concrete per riequilibrare in tutti i Paesi membri rapporti di forza all’interno della filiera agroalimentare e combattere le frequenti pratiche commerciali abusive subite dagli agricoltori e dalle loro cooperative”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.