Aspettando FICO… a Bologna le premiazioni del concorso per le scuole

Si sono festosamente sfidati a colpi di reportage fotografici, con videospot promozionali scanditi da idee fresche e vivacissime, e persino lavorando a veri e proprio giochi di società dedicati al cibo, alla sua produzione e alla sua ‘filiera’, dai campi alle tavole. Oltre 680 studenti delle Scuole di ogni ordine e grado della Regione Emilia Romagna – ovvero 31 classi di 16 diversi Istituti – hanno preso parte alla prima edizione del concorso “Aspettando FICO… nella Scuola – Emilia-Romagna”, promosso nell’Anno Scolastico 2016 – 2017 da Fondazione FICO per l’Educazione alimentare e alla sostenibilità e da Eataly World, con il patrocinio dell’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna.
La festa di premiazione ha potuto contare su un set specialissimo, i luoghi di FICO Eataly World dove il cantiere è al rush verso l’inaugurazione del prossimo autunno. Ad accogliere tutti i partecipanti, entusiasti di un lavoro di gruppo che per settimane ha coinvolto i ragazzi in una salutare e giocosa scoperta del cibo, c’erano stamane i promotori del concorso, ideato per sensibilizzare i più giovani sui temi dell’educazione alimentare in rapporto alla salute e all’ambiente. Applausi, consigli e festeggiamenti sono arrivati dal presidente della Fondazione FICO Andrea Segre’ e dalll’Amministratore Delegato FICO Etaly World Tiziana Primori, affiancati dall’Assessore regionale all’Agricoltura Simona Caselli, da Chiara Brescianini, dirigente ufficio III dell’Ufficio Scolastico regionale per l’emilia-Romagna e da Gianfranco Nappi, responsabile progetti strategici della Città della Scienza di Napoli.
 
“Non si gioca con il cibo, ma conoscere il cibo può essere un gioco” recitava il contest per le  Scuole Primarie regionali, incitando a ideare un gioco di società legato ai luoghi, alle fasi e ai mestieri delle filiere agroalimentari dell’Emilia Romagna. Con la rappresentazione della filiera reale hanno sbaragliato il campo i giovanissimi studenti della classe 1^ A, Istituto Comprensivo di Molinella, per l’originalità e l’ingegno con cui è stato sviluppato il concetto di filiera, del pane e del prosciutto, attraverso un gioco di carte appositamente ideato e progettato. I vincitori hanno preceduto le classi 2° A-B-C-D-E-F dell’IC Carchidio Strocchi al secondo posto con “Giocaalimenti” e le 2^ A-B dell’IC Sassuolo 2 nord “Vittorino da Feltre”, classificatesi al terzo posto con “Faraone mangiasano”. Menzioni per l’IC 11 di Bologna – classe 4^ B, l’IC di Molinella – classe 3^ A, l’IC Castelnovo di Sotto – classi 4^ A, B, C, D e l’IC Sassuolo 2 nord “Bellini” – classi 2^ A e B.
 
La classe 1^ F dell’IC di Budrio ha conquistato il primo posto nella sezione per le Scuole Secondarie di primo grado: a tutti era richiesto un reportage fotografico sul tema “Ri-scattiamo il lavoro: i mestieri delle filiere agroalimentari di ieri, oggi e domani”. E i vincitori si sono focalizzati sul purè e sulla lunga filiera di competenze e mestieri che porta alla sua preparazione, partendo dalla patata DOP.
Al secondo posto l’IC 8 di Modena “Pasquale Paoli” – classe 3^ E per “Orientarsi con Gusto” e al terzo posto l’ IC di Novellara “L. Orsi” – classi 1^ A-E per “Il Parmigiano Reggiano di vacche rosse DOP”. Menzioni all’IC di Molinella – classe 3^ D  e ll’IC Alighieri di Rimini – classe 3^G.
 
Infine si sono dedicati a veri e propri spot video gli studenti delle Scuole Secondarie di secondo grado, sul filo conduttore #losapeviche: un’indagine sui luoghi comuni, gli stereotipi, i detti e le tradizioni popolari, sulle abitudini di consumo, sui prodotti tipici e i piatti della cucina emiliano romagnola. A partire da uno dei piu’ noti detti popolari, “buono come il pane”, i ragazzi della 4^ B dell’ITS Calvi di Finale Emilia (MO) hanno vinto con lo spot video che filmava l’alimento base delle nostre tavole, il pane appunto: “per la qualità del loro progetto e la valenza di ricerca culturale e scientifica del lavoro”. Secondo classificato l’ITCS G. Salvemini – classe 4^ A e al terzo posto l’IIS A. Serpieri – classe 4^ D. Menzione per il Liceo Formiggini – classi 2^, 3^, 4^ A.
 
Agli Istituti scolastici vincitori sono andati premi in denaro, dell’importo di 500 € per i primi, di 300 € per i secondi e di 200 € per i terzi classificati.

La Fondazione FICO sarà operativa all’interno della Fabbrica Italiana Contadina, il grande Parco che sta sorgendo a Bologna, l’unico luogo al mondo dove sarà rappresentata l’intera filiera del cibo del nostro Paese, dal campo alla forchetta. Spiega il presidente di Fondazione FICO, Andrea Segrè: «promuovere l’educazione alimentare fra i giovani è un impegno essenziale in chiave di prevenzione. Dal punto di vista della salute, innanzitutto: attraverso iniziative specifiche di sensibilizzazione l’eccesso ponderale nei bambini – obesità + sovrappeso –  è passato, nell’ultimo decennio, dal 35,2% al 30,6% nel 2016. Prevenzione è parola essenziale anche rispetto all’ambiente e agli sprechi: quelli domestici fanno la parte del leone, costano ca 13 miliardi € ogni anno e incidono fra il 60% e il 70% della filiera nazionale degli sprechi (dati Waste Watcher). Per questo è urgente lavorare sul piano di una svolta culturale e di una capillare campagna di educazione alimentare, a partire dall’età scolare». 
 
Tiziana Primori, Amministratore Delegato di FICO Eataly World, commenta: «FICO è una palestra di educazione sensoriale al cibo e alla biodiversità. Vogliamo riavvicinare le nuove generazioni e gli adulti di tutto il mondo allo stile riconosciuto della corretta alimentazione data dalla dieta mediterranea, e proporre esperienze reali e complete che consentono di recuperare il contatto diretto e corporeo con ciò che mangiamo e con l’ambiente naturale in cui viviamo. L’educazione in FICO è divertimento e gioco, è stimolo al poter fare e al poter provare; è un invito alla conoscenza e all’approfondimento dei temi legati alla biodiversità. Conoscere l’Italia a partire dalle sue radici più profonde, per partire insieme per un viaggio del sapere dentro le filiere agroalimentari italiane. Siamo orgogliosi di accogliere e premiare centinaia di bambini, ragazzi, insegnanti e dirigenti delle scuole dell’Emilia-Romagna che hanno partecipato con entusiasmo alla nostra iniziativa. Con le loro proposte ci hanno dimostrato, con grande creatività, che il valore dell’educazione alimentare è un elemento fondamentale per il futuro di tutti».
Il Concorso Aspettando FICO… nella Scuola” ha un’ulteriore sezione dedicata alle scuole della Campania, promossa per l’Anno Scolastico 2016 – 2017 sempre da Fondazione FICO e da Eataly World, con il patrocinio dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Campania e in collaborazione con Città della Scienza di Napoli, che ospiterà le premiazioni in programma il primo giugno.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.