Assitol, la nuova “doppia vita” dell’olio di sansa

olive1Olio alimentare e fonte rinnovabile per la produzione di agroenergia: il segmento del sansa, ultimo anello della filiera oleicola, è un esempio consolidato di economia circolare. E grazie alle esportazioni in crescita nei Paesi emergenti, favorisce la diffusione della cultura degli oli d’oliva e della dieta mediterranea.

L’olio di sansa di oliva ha una nuova “doppia vita”. Da un lato è un alimento, che funziona da “apripista” per l’extravergine nei Paesi abituati al gusto di altri oli vegetali. Dall’altro, la sansa disoleata, che è un sottoprodotto dell’estrazione dell’olio, è impiegato sempre più spesso come biocombustibile. Per queste ragioni, ancor oggi rappresenta un segmento importante della filiera oleicola. Lo sottolinea ASSITOL, l’Associazione italiana dell’industria olearia.

“Il sansificio – afferma Michele Martucci, presidente del Gruppo olio di sansa dell’Associazione – è un esempio consolidato di economia circolare: riutilizziamo i residui della spremitura delle olive per produrre olio e reimpieghiamo le sanse disoleate per la produzione di energia termica, a basso impatto ambientale, che le nostre stesse aziende utilizzano al loro interno senza alcun sostegno statale. La nostra è una filiera virtuosa, che apre nuove strade a favore della sostenibilità e delle agroenergie”.

Secondo i dati Istat rielaborati da Assitol, oltre 40mila tonnellate di olio di sansa sono state vendute all’estero nel 2015. Ciò conferma come questo componente della famiglia degli oli d’oliva sia divenuto la chiave d’accesso di quei Paesi che non conoscono il gusto ed i benefici dell’extravergine, avvicinando così i consumatori alla dieta mediterranea oltre ad avere un impatto considerevole sul bilancio commerciale.

Le prospettive dell’export, in tal senso, appaiono positive anche per il 2016. Nei primi due mesi dell’anno, l’export è aumentato del 10,3%. Alcuni degli acquirenti con prospettive più interessanti sono extra-UE: India, Australia, Nuova Zelanda, Emirati Arabi. Bene anche l’andamento delle esportazioni negli Stati Uniti, in Germania, Francia, Belgio e Canada.

Per il Gruppo sansa, questo è il momento di puntare sulla valorizzazione del settore, ultimo anello della filiera olivicolo-olearia. “Ora, grazie alla nascita della federazione europea – spiega il presidente Martucci – intendiamo lavorare a Bruxelles a fianco di Spagna, Grecia e Portogallo per risolvere i problemi che le aziende affrontano nella competizione internazionale”.

In particolare, ASSITOL stigmatizza l’eccessiva frammentazione delle norme a livello comunitario e le pesanti complicazioni burocratiche che, sottolinea Martucci, “pongono le nostre imprese in una situazione di netta difficoltà rispetto ai Paesi del Nord-Africa, i nostri concorrenti più forti, che godono di grande libertà d’azione e poche limitazioni”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.