Assodistil, invecchiamento brandy, è guerra in Ue

botti vinoIl mancato rispetto delle regole imposte da Bruxelles da parte di alcuni Stati sull’invecchiamento dei brandy sta provocando danni enormi alle distillerie italiane. E’ la denuncia di Assodistil, nel precisare che in Italia sono molto rigorosi i controlli fiscali, cosa che non succede in altri Paesi dove non ci sono garanzie equivalenti o, in alcuni casi, non sono nemmeno contemplate. ”Il problema si riscontra in Paesi con forte tradizione vitivinicola come la Spagna – precisa Antonio Emaldi, presidente Assodistil – quanto nei Paesi di recente ingresso in Ue”. In Italia il periodo di invecchiamento indicato in etichetta corrisponde a quello in cui i brandy hanno riposato in legno. Al contrario, denuncia l’associazione degli industriali distillatori, ”nonostante norme e organismi di controllo vi sono operatori che immettono sul mercato brandy e acquaviti di vino invecchiate per un periodo inferiore a quello riportato nei documenti di accompagnamento, con una conseguente forte oscillazione dei prezzi dei vini da tavola utilizzati come materie prime. ”Su questa battaglia – sottolinea il presidente – abbiamo ottenuto il sostegno del mipaaf, ma ci sarà bisogno anche della collaborazione dell’Agenzia delle Dogane affinché si coordinino con le omologhe amministrazioni degli altri Stati membri”. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.