Assolatte, prezzi in salita a partire dall’origine


L’ondata di aumenti delle materie prime ha spinto verso l’alto i costi di produzione, si profilano quindi inevitabili le ripercussioni sui prezzi al consumo. Lo afferma Assolatte, nel sottolineare che dallo scorso autunno – anche a causa di alcuni fatti climatici eccezionali – si assiste alla decisa crescita delle quotazioni di molte materie prime agricole e lattiere. Il prezzo del mais, ad esempio – che e’ una componente importante nella alimentazione degli animali da latte – e’ aumentato del 68%, quello della soia del 14%. Anche il prezzo del latte alla stalla – aggiunge Assolatte – e’ cresciuto in modo significativo: dal mese di gennaio del 2010 a oggi si sono registrati aumenti del 20%, interamente assorbiti dall’industria di trasformazione, che negli ultimi due anni ha ridotto i prezzi medi al consumo di molti prodotti, attraverso il contenimento dei costi e la riduzione dei margini aziendali. Negli ultimi 12 mesi sono cresciute anche le quotazioni all’ingrosso dei principali formaggi italiani (Grana Padano, +27%; Parmigiano Reggiano, +31%), anch’essi integralmente assorbiti dalle aziende che li commercializzano. La situazione e’ ora diventata critica – commenta Assolatte -, se questi aumenti non fossero trasferiti con la massima celerita’ sui prezzi al consumo,si metterebbe a rischio la stessa sopravvivenza di un tessuto produttivo che e’ l’anima del made in Italy lattiero-caseario nel mondo. Certamente, come sempre accaduto – conclude Assolatte – l’industria lattiero casearia fara’ la propria parte con grande responsabilita’, limitando gli inevitabili aumenti ai casi strettamente necessari per incidere il meno possibile sui bilanci delle famiglie italiane. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.