Assosementi: l’Europa non chiuda le porte all’innovazione sulle piante

giuseppe-carli
L’Unione Europea è chiamata in tempi brevi a chiarire la propria posizione sulle nuove tecniche di miglioramento genetico, le cosiddette New Breeding Techniques (NBT), basandosi su oggettive basi scientifiche e non su spinte emozionali o politiche. È quanto emerge dall’intervento di Giuseppe Carli, Presidente di Assosementi, l’associazione che riunisce le aziende sementiere italiane, quest’oggi a Bologna nel corso del seminario “Genome editing: come nasceranno le varietà di domani”, promosso dall’Università di Bologna.“Per concorrere sui mercati internazionali l’agricoltura non può prescindere dall’innovazione e dall’utilizzo delle più moderne tecniche di miglioramento genetico, le cosiddette New Breeding Techniques, e il genome editing è una delle più promettenti che abbiamo oggi a disposizione” – ha dichiarato Giuseppe Carli. “Tuttavia il rischio è che l’Unione Europea possa bloccare questo importante progresso scientifico inserendo il genome editing nel regime normativo degli organismi geneticamente modificati (OGM), con i quali invece non hanno niente a che vedere”.
“La peculiarità del genome editing è infatti l’azione più precisa e mirata sulle sequenze geniche, evitando quindi di introdurre DNA estraneo, permettendo inoltre di modificare in modo predefinito solo il gene di interesse, diversamente dalla mutagenesi indotta” – ha aggiunto Carli. “Questa tecnica consente inoltre di realizzare varietà resistenti e in grado di rispondere alle caratteristiche produttive e qualitative desiderate dagli agricoltori in minor tempo rispetto ai metodi convenzionali che richiedono dagli 8 ai 10 anni”.
“Per consentire l’accesso a questa NBT, fondamentale per la futura competitività della nostra agricoltura, è però necessario che l’uso di questa tecnica venga sostenuto e incentivato, e non ostacolato da scelte normative incongruenti che classifichino come OGM le varietà prodotte con l’editing” – ha ribadito Carli. “Senza una chiara regolamentazione le piccole e medie imprese europee sarebbero disincentivate ancorché impossibilitate ad utilizzare l’editing per via degli ingenti costi delle procedure autorizzative richieste per la commercializzazione degli OGM, con il risultato che la ricerca verrebbe inevitabilmente delegata ai paesi extra UE che quindi si assicurerebbero un notevole vantaggio competitivo”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.