Aviaria: Coldiretti, no a psicosi. A rischio 100 mila posti di lavoro

galline
Occorre evitare le psicosi ingiustificate che nel passato hanno danneggiato pesantemente un settore produttivo importante per l’economia e l’occupazione, dove trovano possibilità di lavoro circa centomila persone tra dipendenti diretti e indotto. E’ quanto afferma la Coldiretti in riferimento ai risultati dell’incontro del ministro della Salute Beatrice Lorenzin con le autorità sanitarie delle Regioni sugli effetti delle misure precauzionali sulle aziende avicole. Occorre difendere – prosegue Coldiretti – uno dei pochi comparti in cui l’Italia è praticamente autosufficiente, producendo 1,3 milioni di tonnellate di carni avicole e oltre 12 miliardi di uova con fatturato di settore pari a 5,7 miliardi di euro. Va ricordato peraltro – conclude la Coldiretti – che in un momento difficile di crisi, con un forte calo dei consumi alimentari, l’unica voce ad aumentare nel primo semestre dell’anno è la spesa per le uova (+4 per cento) e per la carne di pollo naturale (+6 per cento), con un consumo annuo di oltre 19 chili di prodotti avicoli a testa che garantisce alle famiglie il necessario apporto proteico adeguato nell’alimentazione a prezzi piu’ contenuti.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.