Aviaria: il ministero della Salute rassicura, nessun rischio contaminazione per la popolazione

galline
Il ministero della Salute esclude che, in seguito ai quattro focolai di aviaria scoperti nelle ultime due settimane, possano esserci rischi di contaminazione per la popolazione. L’isolamento dei focolai e il cordone sanitario subito attivato con la distruzione delle uova e l’abbattimento degli animali nei quattro allevamenti coinvolti, ha spiegato Romano Marabelli, direttore generale per la veterinaria del ministero della Salute, al termine di una lunga riunione al ministero, “garantisce l’esclusione della possibilità di una contaminazione”. All’incontro ha partecipato il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, l’assessore della Regione Emilia Romagna, Carlo Lusenti, che ricopre anche l’incarico di coordinatore per gli interventi sull’aviaria, e le rappresentanze degli allevatori. Durante il confronto durato oltre tre ore, i tecnici hanno confermato l’utilità delle misure decise e il proseguimento del monitoraggio oltre a tutti gli interventi per assicurare, come era stato già deciso negli incontro degli scorsi giorni in Emilia Romagna, l’indennizzo agli allevatori. All’incontro al ministero presente anche Luca Coletto, assessore alla Sanità della Regione Veneto e coordinatore degli assessori alla sanità. Soddisfatto Lusenti dell’esame del confronto: ”abbiamo analizzato tutti gli aspetti – ha detto al termine della riunione – e gli interventi sono stati tempestivi”. Una nuova riunione della task force per l’aviaria e’ stata fissata per il prossimo mercoledì 4 settembre.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.