Aviaria: Ue pronta a risarcire danni per abbattimento animali, versando anticipi già nel 2013

pollo 3La Commissione europea è pronta a risarcire gli allevatori italiani – versando anticipi già nel 2013 – per i danni subiti dall’abbattimento degli animali allo scopo di contrastare l’espansione del virus dell’influenza aviaria H7N7 che ha colpito alcuni allevamenti di pollame in Emilia Romagna. I fondi provengono dalla politica per la sanità dell’Ue. Lo ha appreso l’ANSA a Bruxelles dove la situazione dell’influenza aviaria in Italia e’ stata esaminata dal Comitato europeo per la catena alimentare e la sicurezza animale.

La decisione di erogare gli anticipi dei pagamenti diretti per il 2013, che libera circa 2 miliardi di euro, ”consentirà di alleviare le difficoltà dei produttori agricoli, nel fronteggiare i gravi problemi di liquidità conseguenti, oltre che dalla situazione economica generale, anche dalle avversità climatiche che hanno colpito nei mesi recenti il settore”. Lo afferma il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Nunzia De Girolamo commentando la decisione del competente Comitato di gestione della Commissione europea. Il Comitato di gestione ‘pagamenti diretti’ infatti ha approvato oggi il regolamento della Commissione che consente agli Stati membri di anticipare, a partire dal 16 ottobre prossimo, fino al 50% dei pagamenti diretti dovuti per la domanda unica 2013. L’intera operazione è comunque vincolata al completamento della verifica del rispetto delle condizioni di ammissibilità all’aiuto, affinché sia garantita l’accuratezza della gestione finanziaria dei fondi europei. Il via libera scaturisce dalle richieste di alcuni Stati Membri, in primis dell’Italia. “Credo che questa decisione, che libera circa 2 miliardi di euro, riuscirà a consolidare – conclude – la fiducia degli agricoltori e a sostenere una ripresa economica che molti indicatori ci segnalano ormai come imminente”.

Risarcimenti sicuri per i capi abbattuti, le uova e i mangimi distrutti. Mentre ”per tutte le altre imprese del comparto che stanno subendo le restrizioni necessarie dal punto di vista sanitario, al momento non ci sono previsioni di indennizzo. Noi abbiamo fatto una proposta articolata al governo perché la discuta anche con l’Ue. E’ indispensabile avere una risposta perché il settore anche nella sua parte sana sta piegando le ginocchia sotto il peso delle restrizioni che sono indispensabili, ma ahinoi rischiano di distruggere un comparto”. L’ha detto, parlando dell’emergenza aviaria, l’assessore all’agricoltura dell’Emilia-Romagna, Tiberio Rabboni. Parlando a margine della presentazione del progetto ‘Climate ChangER’, Rabboni ha spiegato che ancora non c’è stata una risposta alla lettera consegnata personalmente al ministro dell’Agricoltura, Nunzia De Girolamo, durante la sua visita a Bologna: ”lasciamo trascorrere qualche giorno ancora. Dopo di che io chiederò la convocazione di un incontro a Roma, magari alla presenza anche delle associazioni rappresentative di questo comparto”. Quanto alla situazione attuale, non si sono verificati nuovi focolai, e, se ”come noi ci auguriamo, non dovessero verificarsene si va verso la normalizzazione e allo scadere di questo mese c’è la possibilità di ripristinare situazioni di attenzione sanitaria normali e non più così particolari”.

Un Commento in “Aviaria: Ue pronta a risarcire danni per abbattimento animali, versando anticipi già nel 2013”

Trackbacks

  1. Ue, ok ad anticipo 50% aiuti dal 16 ottobre | Con i piedi per terra

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.