Avvertenze in etichetta: il 66% degli enoappassionati è contrario

“Warning” si’, “warning” no. Il dibattito sul dilemma se sia giusto o meno mettere nelle etichette che avvolgono le bottiglie dell’amato nettare di Bacco le avvertenze dei rischi sulla salute e’ aperto. Ma cosa ne pensano gli eno-appassionati? Il 66% e’ contrario perche’ pensa che creerebbero solo allarmismi e che invece e’ opportuno puntare sull’educazione al bere consapevole, il 25% si dice favorevole per informare il consumatore e il 9% non ha ancora un’opinione sull’argomento. Lo dice un sondaggio di www.winenews.it, uno dei siti piu’ cliccati dagli amanti del buon bere, e Vinitaly (www.vinitaly.com), appuntamento enologico di livello internazionale, a cui hanno risposto 1.116 “enonauti”, ovvero appassionati gia’ fidelizzati al mondo del vino e di Internet, che sono in maggioranza maschi (76%), il 45% di loro ha un’eta’ compresa fra i 35 e i 50 anni, hanno un elevato titolo di studio (l’85% ha conseguito il diploma di scuola media superiore o la laurea) e godono mediamente di un buon livello socio-economico alto (medici, dirigenti, imprenditori, bancari, avvocati, commercialisti, ingegneri, agenti di commercio, architetti, giornalisti e commercianti).
Il “warning” in etichetta e’ la questione che tiene acceso il dibattito in Italia dopo la proposta lanciata da Assoutenti di mettere sulle etichette delle bevande alcoliche le avvertenze sui rischi per la salute simili a quelle che si trovano sulle sigarette, dopo che l’Agenzia di Ricerca sul Cancro dell’Organizzazione Mondiale della Sanita’, ha inserito l’alcol nel “Gruppo 1” delle sostanze cancerogene, mettendolo sullo stesso piano di amianto, arsenico, benzene, tabacco e radiazioni.
Sulla questione c’e’, dunque, chi fra gli eno-appassionati ha le idee ben chiare e ha motivato la risposta favorevole o contraria in maniera articolata e ben decisa. Il 66% degli “enonauti” che si dice contrario alle avvertenze in etichetta ha giustificato la propria posizione ribadendo che la soluzione non sono gli allarmismi, che potrebbero solo confondere il consumatore, ma la promozione della cultura del bere consapevole: no alla pratica degli eccessi e si’ alla prevenzione e alla maggiore informazione. La maggior parte ritiene che il vino sia in primis un alimento e che come tale abusarne causa problemi alla salute, ma tanto quanto tutte le altre vivande che consumiamo, per questo c’e’ bisogno di puntare sull’educazione alimentare. La distinzione fatta e’ quella, dunque, fra alcol in generale e vino in particolare e gli eno-appassionati che si dicono contrari al “warning” in etichetta mettono anche in evidenza l’importanza culturale di una bevanda dalla storia secolare come il vino, che va distinta dal resto della categoria degli alcolici. Inoltre, tra i contrari, fra i quali alcuni medici, c’e’ chi ricorda che non va dimenticato che studi e ricerche dimostrano che il vino bevuto in giuste quantita’ porti giovamento al nostro organismo.
E mentre il 9% ancora non si e’ fatto un’opinione, i favorevoli al “warning” (25%), sostengono che l’alcol e’ alcol e non fa differenza se si parla di vino o gin o altri tipi di alcolici, l’importante e’ che il consumatore sia messo a conoscenza dei rischi a cui va incontro usando e abusando di queste sostanze e che l’uso sconsiderato di alcol mette in pericolo la propria vita, ma anche quella degli altri. Non tutti, pero’ demonizzano il vino, ma anzi sostengono, esattamente come chi e’ contrario al “warning”, che bevuto in giuste dosi apporta giovamento, ma che comunque l’aspetto delle avvertenze non va sottovalutato come mezzo di informazione per rendere il consumatore consapevole. Le avvertenze in etichetta per questa fascia di eno-appassionati rappresentano, dunque, un efficace metodo per informare i consumatori, dando loro l’input giusto per il consumo consapevole: il consumatore ha bisogno delle avvertenze in etichetta per poter scegliere di conseguenza.(AGI)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.