Barilla Center: troppe proteine per i bambini e l’obesità costa 40 miliardi l’anno

Nel mondo i bimbi in sovrappeso sono 155 milioni (1 su 10), negli Usa questa condizione riguarda invece il 25% dei bambini, mentre in Europa ogni anno sono 400mila i piccoli in sovrappeso.
Se, come sostengono gli esperti, gia’ a partire dai 3 anni si gettano le basi per la salute da adulto, i bambini occidentali partono certamente svantaggiati: consumano, infatti, una quantita’ di proteine pari, mediamente, a 3-4 volte il livello ritenuto adeguato a soddisfare i fabbisogni in eta’ prescolare e scolare. A dirlo, confermando i numerosi studi internazionali che dimostrano l’eccessiva assunzione proteica da parte dei bambini, è anche il ‘Barilla Center for food & nutrition’ che ha presentato a Roma il modello della doppia piramide nell’alimentazione dei bambini e degli adolescenti.
Ma alimentarsi bene fin da bambini non significa solo salvaguardare la propria salute, ma anche ridurre i costi sociali: in Italia la spesa sostenuta ogni anno in terapie e cure per patologie cardiovascolari, diabete e tumori e’ di circa 40 miliardi di euro, pari a circa 700 euro a testa. Negli USA il fenomeno e’ decisamente maggiore, e le stime piu’ recenti sul costo totale delle patologie cardiovascolari indicano un impatto di 473,3 miliardi di dollari, a cui si sommano oltre 228 miliardi di dollari per le patologie tumorali. In Europa il costo delle patologie cardiovascolari e’ di circa 192 miliardi di euro, a cui aggiungere i 56,6 miliardi di euro di costi stimati per patologie tumorali.
A sottolinearlo è stato il vice presidente del Gruppo Barilla in apertura dei lavori. “Un bimbo su tre è in sovrappeso e i bambini italiani obesi e in sovrappeso hanno aspettativa di vita – ha sottolineato Barilla – più bassa dei genitori. Dobbiamo, ed è urgente farlo, progettare un mondo migliore, ognuno per la propria parte”. Secondo lo studio Bcfn, la composizione ottimale della dieta settimanale di un bambino dovrebbe prevedere un consumo di cereali, soprattutto integrali, frutta e verdura, latte e latticini tutti i giorni; carne 2-3 volte la settima; pesce almeno 3 volte; legumi almeno 2 volte; formaggi 2 volte e uova 1-2 volte la settimana. Inoltre, l’apporto calorico quotidiano dovrebbe essere suddiviso su 5 pasti. Anche le tecniche di cottura incidono sulla salute del pianeta: per esempio, impiegare mezzo litro d’acqua per cuocere su un fornello a gas mezzo kg di pasta riduce l’impatto della cottura del 7%, pari a 30 gr. di Co2 equivalente. E per una dieta amica dell’ambiente occorre prediligere scelte vegetariane: una pietanza con carne ha un impatto due volte e mezzo superiore rispetto a quella con verdure.
Presente al convegno anche il ministro della Salute Ferruccio Fazio che nel suo intervento ha sottolineato come la corretta alimentazione “é un’abitudine che va insegnata ai bambini presto, idealmente attorno alla terza elementare, perché la prevenzione delle patologie cardiovascolari e metaboliche deve partire già in età scolare”. “Sono tre – ha precisato il ministro – le regole alimentari per una corretta dieta di bimbi e adolescenti: la varietà degli ingredienti per pietanze che devono essere appetibili e sicure; l’equilibrio delle scelte sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo; le porzioni adeguate dal punto di vista nutritivo, ma sempre sotto la soglia di sazietà”. “Non è un’allarme rosso quello lanciato da Barilla Center – ha osservato Fazio – ma un invito a riflettere sul proprio stile di vita alimentare e su quello dei figli che nel 10% dei casi salta la colazione, nel 30% non la fa in maniera adeguata, e nel 50% beve bevande non ottimali per contenuto gassoso e zuccherino. Da parte sua il ministero della Salute – ha sottolineato Fazio – ha promosso un accordo coi panificatori per la riduzione del sale, sta monitorando i messaggi nutrizionali sulle etichette degli alimenti, ha promosso la prevenzione col progetto ‘Guadagnare in salute, ed e’ in prima linea sulla sicurezza alimentare”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.