Barilla inaugura nuovo stabilimento e dopo 40 anni torna a produrre sughi

Barilla, il leader mondiale nella produzione di pasta, inaugura la sua nuova fabbrica di sughi a Rubbiano di Solignano, vicino Parma, con una cerimonia alla presenza del premier Mario Monti e della famiglia Barilla. Nonostante il difficile contesto economico, la Barilla rinnova il suo forte legame con l’Italia e, in particolare, con la ‘Food Valley’ tornando a produrre internamente, dopo quasi mezzo secolo, il principale complemento della pasta. Erano infatti 40 anni che i sughi Barilla erano realizzati attraverso partner esterni. Ora, con un impianto dedicato, la multinazionale emiliana vuole sottolineare la volontà di concentrarsi sul proprio core business. Con più di un occhio all’export: “Il nuovo stabilimento sughi di Rubbiano – spiega il presidente del Gruppo, Guido Barilla – è un esempio di come investire sulla qualità in Italia con un’ottica globale. Se da un lato gli ingredienti, la ricetta, e la tecnologia per fare i sughi sono italiani, il consumo sarà soprattutto all’estero”. Con l’intenzione di conquistare nuovi importanti mercati come Cina e Brasile. L’investimento è stato di 40 milioni. Dal nuovo stabilimento usciranno quotidianamente circa 150 tonnellate di sughi a base di pomodoro e 50 tonnellate a base di pesto con una capacità produttiva annua, una volta che l’impianto sarà entrato a regime, di 60mila tonnellate. I dipendenti, allora, raggiungeranno le 120 unità. “La fabbrica è un modello all’avanguardia di design e tecnologia – sottolinea ancora Barilla – e sono molto fiero del duro lavoro svolto per rendere possibile l’inaugurazione di questa fabbrica oggi”.
Fine modulo
Meno emissioni e meno spreco d’acqua, sono le parole d’ordine del nuovo stabilimento. Per lavorare materie prime che saranno per la maggior parte made in Italy. Il sito produrrà infatti il 32% in meno di CO2 e consumerà il 47% in meno di acqua rispetto agli altri impianti che producono salse. Lo stabilimento, che a regime darà lavoro a 120 persone, produce 35.000 tonnellate di sughi all’anno e ha un potenziale di sviluppo sino a 60.000 tonnellate. Il pomodoro e il basilico – le materie prime che sono alla base delle due nuove linee produttive, sughi al pomodoro e pesto – sono al 100% italiani. Una tecnologia di riempimento a caldo all’avanguardia consentirà di preservare il colore e le caratteristiche di freschezza e sapore delle materie prime. Nel complesso usciranno dallo stabilimento ventiquattro ricette targate Barilla. L’impianto è stato progettato da un team di ingegneri Barilla, seguendo i più alti standard tecnologici, e sarà uno dei più produttivi impianti di sughi al mondo. La superficie complessiva dello stabilimento sarà di 60mila mq di cui 15mila coperti. I prodotti saranno al 100% freschi, senza aromi artificiali o conservanti e la maggior parte proverranno direttamente dalla ‘food valley’. Barilla, realizza circa 1.300 controlli giornalieri sulle salse a base di pomodoro e 1.100 sui pesti. Sessanta controlli giornalieri sono realizzati sugli ingredienti. (ANSA)

2 Commenti in “Barilla inaugura nuovo stabilimento e dopo 40 anni torna a produrre sughi”

  • silvana scritto il 8 ottobre 2012 pmlunedìMondayEurope/Rome 23:23

    salve….sono una mamma, gran consumatrice dei vostri prodotti, soprattutto della pasta….veramente ottima…però vi chiedo, come mai all’estero distribuite tantissimi coupon e qui in Italia niente? 

  • BENITO scritto il 10 ottobre 2012 pmmercoledìWednesdayEurope/Rome 18:04

    …SILVANA TI CONSIGLIO CONSUMARE ALIMENTI DELLE AZIENDE BIOLOGICHE,.. ALMENO NON CONTENGONO … OGM. – – – – – – – –
    OGM SAREBBE UN VELENO … . .BARILLA VUOLE IL GRANO ITALIANO PER PRODURRE LA PASTA MIGLIORE.. .. ORMAI ITALIA NON SEMINA PIù GRANO,… BARILLA VUOLE INCENTIVARE DALLA SUA TASCA LE AZIENDE AGRICOLE ITALIANE,…. VUOLE PORTARLE ALLA SEMINA DEL GRANO

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.