Batterio killer: Marini (Coldiretti), chiedere i danni all’Ue


Sull’epidemia di Escherichia Coli e’ stata alimentata una psicosi che e’ gia’ costata 25 milioni al Made in Italy. L’Italia deve chiedere i risarcimenti alle competenti autorita’ europee per i danni economici subiti ingiustamente dai produttori di frutta e verdura nazionali per il crollo dei consumi provocati dalla diffusione di notizie, poi risultate infondate. E’ quanto ha affermato Sergio Marini, presidente della Coldiretti, che ha organizzato iniziative antipanico con la distribuzione da parte degli agricoltori di cetrioli e altra frutta e verdura Made in Italy a chilometri zero nelle aree di sosta delle autostrade nel Lazio ”La macchia Ovest” (zona Frosinone) e in Emilia Romagna la Sillaro Ovest (zona Bologna) A14 direzione Sud mentre a Treviso presso l’azienda agricola Barzan Luigino in via Canizzano 153/C e’ stata preparata insieme alla Regione Veneto una mega-insalatona. Il divieto alle esportazioni in Russia dove l’Italia spedisce ortaggi e legumi freschi per un importo di 4,4 milioni di euro all’anno e’ solo l’ultimo effetto della approssimazione nella gestione dell’emergenza che – ha sostenuto Marini – ha provocato un crollo nei consumi in tutta Europa e che ha colpito ingiustamente anche le produzioni nazionali di ortofrutta con perdite che hanno raggiunto i 25 milioni di euro. L’Italia – ha continuato Marini – e’ il principale produttore di frutta e verdura dell’Unione Europea, con un valore complessivo delle esportazioni che ha raggiunto nel 2010 l’importo di 4,1 miliardi di euro messi ora a rischio dai ritardi accumulati nell’affrontare l’emergenza. L’incertezza – ha continuato Marini – sta avendo effetti devastanti, poiche’ oltre un cittadino europeo su tre (35%) evita di acquistare per un certo periodo i prodotti di cui ha sentito parlare.(ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.