Bilancio Ue: gli allevatori di suini chiedono gli aiuti Pac


“Questa volta nella Pac post 2013 ci dobbiamo stare anche noi. La suinicoltura sta vivendo una crisi prolungata e non è ipotizzabile che non vengano prese in considerazione misure specifiche per assicurare un futuro ad un comparto che assicura elevata qualità come il nostro”. Senza molti giri di parole, Andrea Cristini, presidente dell’Associazione nazionale allevatori suini (Anas), chiede con fermezza di poter prendere parte al dibattito sulla Politica agricola comune (Pac), che terrà banco nei prossimi mesi. Come è noto, il comparto suinicolo è estraneo ai sussidi comunitari, almeno come misure dirette per l’allevamento dei capi. In Romania – ricorda Cristini – erano state attivate alcune misure come premio alla macellazione. Nei Paesi della Ue a 15 invece non sono mai stati previsti, salvo poi assistere ad alcune forme di sostegno trovate in realtà come la Francia, che quando si tratta di dare una mano ai proprio agricoltori trova sempre il modo per farlo. Evidentemente sanno meglio di noi quanto è strategico il comparto primario. In questa intervista sul futuro della Pac, che Veronafiere intende approfondire in vista della 110 edizione di Fieragricola, in programma dal 2 al 5 febbraio 2012 (www.fieragricola.com), Cristini mette sul piatto le proposte di Anas in maniera categorica: Dopo cinque anni di difficoltà che hanno costretto gli allevatori a rivedere i propri piani di crescita, alcuni a sottostare alla soccida, la maggior parte a fare i conti con listini di mercato non sempre in grado di coprire i costi di produzione e per ben due volte a convivere con prezzi dei cereali decisamente elevati – afferma il numero uno di Anas – non è più possibile rimanere l’unica zootecnia “pesante” senza aiuti da parte di Bruxelles. Scontiamo un handicap rispetto ad altre forme di allevamento che vivono in un mercato protetto, mentre noi siamo da anni alle prese con il libero mercato. La crisi del comparto è nota e sta attraversando tutta Europa. Con l’aggravante per i produttori italiani di dover fare i conti con costi di produzione maggiori rispetto ai colleghi del resto del mondo, per la peculiarità del suino pesante allevato in Italia per i circuiti tutelati della salumeria a Denominazione d’origine protetta. “Abbiamo alcune proposte da sottoporre alla Commissione Agricoltura e al Parlamento europeo – incalza Cristini – nel rispetto dei diritti di tutti gli imprenditori agricoli, ma questa volta non possiamo derogare. Gli unici timidi aiuti che il nostro settore ha avuto sono stati ad inizio 2011 sullo stoccaggio delle carni, solamente dopo lo scandalo della diossina in Germania. Non vogliamo essere considerati solo saltuariamente e senza alcun progetto. Abbiamo una suinicoltura da salvaguardare e riteniamo che debba essere assicurato un prezzo minimo a quelle filiere che garantiscono una elevata qualità, come quella italiana”. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.