Biocarburanti, l’altra faccia della medaglia


Il piano di consumo dei biocarburanti in Europa per i prossimi dieci anni potrebbe richiedere l’utilizzo di una superficie agricola pari a quella dell’Irlanda, con relativo aumento delle emissioni di gas serra ed effetti deleteri sui cambiamenti climatici a livello globale. Senza contare la sottrazione di colture alimentari alla produzione di cibo in paesi in via di sviluppo. E’ questa la fotografia scattata da uno studio, commissionato da nove organizzazioni ambientaliste e pubblicato oggi a Bruxelles. Secondo il rapporto, che ha esaminato i piani nazionali presentati da 23 Stati Ue, l’uso di una quota del 9,5% di biocarburanti nel settore trasporti, prevista da qui al 2020, provocherebbe un aumento valutato tra l’81% ed il 167% delle emissioni di CO2 rispetto all’impiego di carburanti tradizionali. Nella top ten dei paesi Ue che produrrebbero piu’ inquinamento a livello globale c’e’ anche l’Italia (con 5,3 milioni di tonnellate di CO2 in piu’ l’anno), al quarto posto dopo Gran Bretagna (13,3 milioni di tonnellate), Spagna (9,5 milioni di tonnellate), Germania (8,6 milioni di tonnellate) e prima della Francia (3,9 milioni di tonnellate). Questi cinque paesi insieme, riferisce lo studio, diventeranno responsabili di oltre due terzi dell’aumento di gas serra. L’uso di nuovi terreni agricoli generera’ infatti ogni anno l’equivalente delle emissioni di milioni di automobili in piu’ sulle strade europee (fra i 12 e 26 milioni di autoveicoli). ”I biocarburanti – commenta Laura Sullivan, responsabile delle politiche europee di ActionAid – non sono una soluzione ‘amica del clima’ per la nostra domanda di energia”, e ”i piani Ue daranno alle aziende carta bianca per continuare a sottrarre terre ai piu’ poveri sul pianeta”. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.