Biologico: commissario Hogan pronto a impegnarsi per riforma entro giugno

Commissione Europea 2
Il commissario europeo all’agricoltura, Phil Hogan, è pronto ad impegnarsi “con il Parlamento e con la presidenza lettone dell’Ue per raggiungere nel corso del primo semestre di quest’anno un accordo positivo sulla proposta di revisione del settore biologico in Europa”. E’ quanto ha dichiarato Hogan intervenendo alla conferenza ‘Biofach’ dedicata al biologico, ieri a Norimberga. Il commissario Ue ha detto “di essere consapevole delle preoccupazioni del settore, come per le aziende agricole miste (bio e tradizionali) e per il controllo di piccoli rivenditori con più tipi di prodotti, ma è disposto a esaminare il problema, soprattutto se può aiutare il lavoro del Consiglio e del Parlamento europeo per migliorare il testo della l’attuale proposta, e in tal modo da contribuire a raggiungere un accordo nella prima metà di quest’anno”. Fine giugno è anche il termine che ha messo in programma la Commissione Juncker per ottenere un risultato positivo, altrimenti deciderà il da farsi. Con il suo intervento Hogan di fatto incita le istituzioni Ue e gli Stati membri ad avanzare nel negoziato sul biologico mettendo a punto un compromesso, grazie anche all’importante lavoro realizzato dalla presidenza italiana dell’Ue nel 2014. Per il commissario infatti, l’Europa “non può permettersi di aspettare e di soffocare un ulteriore sviluppo del biologico, il settore in più rapida crescita nel comparto agroalimentare, con il rischio di ritardare, probabilmente fino a 5 anni, il miglioramento del quadro normativo”. Significherebbe lasciare altri partner mondiali profittare di un settore in piena espansione e creatore di posti di lavoro.
Le cifre sul biologico parlano chiaro: il fatturato globale è passato da 18 miliardi di dollari nel 2000 a 73 miliardi di dollari nel 2013, ossia quattro volte in poco più di un decennio. Quanto al mercato biologico dell’Ue, nel 2013 era di 22,2 miliardi di euro, circa un terzo della totale, con una crescita media annua del 6% nell’ultimo triennio. Inoltre, la crescita del mercato negli Stati Uniti è stimato al 15% l’anno fino al 2018. Il Nord America importa dall’Ue volumi significativi di frutta biologica, verdura, carni, legumi, sementi. Una crescita costante (+10%) è prevista anche per le altre regioni: per esempio in Asia, terzo più grande mercato di bio del mondo, ma anche in America Latina e Australia. A Norimberga, il commissario europeo all’agricoltura Hogan ha annunciato che la Commissione europea “sta anche lavorando per aiutare il settore biologico in ambito internazionale”. A partire dal 1 febbraio infatti, è in vigore un nuovo accordo di equivalenza con la Corea del Sud per la certificazione dei prodotti biologici trasformati. I produttori che sono certificati nella Unione sono coperti automaticamente sul mercato coreano e viceversa. La prima verifica sull’andamento dei negoziati per la riforma del biologico, è attesa per il prossimo Consiglio dei ministri dell’agricoltura dell’Ue, il 16 marzo a Bruxelles, dove si dovrebbe capire quali punti restano controversi e in quale misura Bruxelles è disposta a modificare la propria proposta. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.