Biologico: oltre 47 mila produttori in Italia, mercato +11,5%

Al 31 dicembre del 2010 in Italia gli operatori del settore biologico sono 47.663, in calo rispetto al 2009 dell’1,7%. E’ quanto risulta dalla prima analisi dei dati forniti al ministero delle Politiche Agricole da parte degli Organismi di controllo (OdC) ed elaborati dal Sinab (Sistema d’informazione nazionale sull’agricoltura Biologica). Sul totale degli operatori, secondo i dati diffusi in una nota del ministero, 38.679 sono produttori esclusivi, 5.592 preparatori (comprese le aziende che effettuano attività di vendita al dettaglio), 3.128 coloro che effettuano sia attività di produzione che di trasformazione, 44 importatori esclusivi, 220 importatori che effettuano anche attività di produzione o trasformazione. La distribuzione degli operatori sul territorio nazionale, vede, come per gli anni passati, la Sicilia seguita dalla Calabria tra le regioni con maggiore presenza di aziende agricole biologiche; mentre per il numero di aziende di trasformazione impegnate nel settore, la leadership spetta all’Emilia Romagna seguita da Veneto e Lombardia. La superficie interessata, in conversione o interamente convertita ad agricoltura biologica, risulta pari a 1.113.742 ettari, con un incremento rispetto all’anno precedente dello 0,6%. I principali orientamenti produttivi sono i cereali, il foraggio e i pascoli; segue, in ordine di importanza, la superficie investita ad olivicoltura. Per quanto riguarda infine le produzioni animali, distinte sulla base delle principali specie allevate, i dati evidenziano un consistente aumento del numero di capi per quasi tutti gli allevamenti rispetto allo scorso anno.
“Il biologico italiano sta consolidando la propria posizione nel nostro sistema agroalimentare: crescono domanda e offerta e, allo stesso tempo la produzione offre una risposta che possiamo definire egregia”. Commenta così il ministro delle Politiche agricole, Saverio Romano, la fotografia del comparto offerta dai dati elaborati dal Sistema di informazione nazionale sull’agricoltura biologica (Sinab) del Mipaaf, che conta su una superficie bio di 1.113.742 ettari e su 47.663 operatori; numeri che posizionano l’Italia ai vertici dei Paesi produttori in tutta Europa. “Il mercato del bio nel primo quadrimestre del 2011 – fa sapere Romano – è cresciuto dell’11,5% rispetto allo stesso periodo del 2009 (+9,2% per l’ortofrutta fresca e sfusa), percentuali che non si riscontrano in altre filiere dell’agroalimentare”. Una crescita a cui il mondo produttivo, continua il ministro, risponde in maniera adeguata: “aumentano del 22%, rispetto all’anno precedente, i produttori che effettuano anche attività di trasformazione, migliorando la strutturazione della filiera del biologico nazionale”. Il ministro fa sapere infine di “riporre molta fiducia nell’agricoltura biologica italiana che ben ci rappresenta all’estero e che può essere un modello di qualità verso cui l’agroalimentrare nazionale può tendere”. (ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.