Biotech: in crescita nel mondo, nel 2030 sarà 2,7% Pil

ogm 2Le biotecnologie sono destinate a crescere ovunque nel mondo industrializzato, tanto che nei prossimi 15 anni potranno arrivare a rappresentare il 2,7 del Prodotto interno lordo (Pil) nei Paesi industrializzati contro l’attuale 1%. ”In Italia il biotech rappresenta attualmente lo 0,7% del Pil”, ha detto il presidente dell’Assobiotec, Alessandro Sidoli, in apertura della Settimana Europea delle Biotecnologie. E’ un treno da non perdere, quello delle biotecnologie, secondo Sidoli, considerando che gli investimenti europei in questo campo sono destinati ad aumentare dal miliardo e 90 milioni del settimo programma quadro per la ricerca europea ai 5,9 miliardi stanziati dal più vasto programma di ricerca mai varato dalla Commissione Europea, Horizon 2020. La buona qualità della ricerca italiane nelle biotecnologie lascia supporre che ci siano i presupposti per raccogliere la sfida. Ad esempio, se in altri settori industriali gli investimenti in ricerca sono pari al 19% del fatturato, le aziende biotecnologiche investono in questo campo il 25% del fatturato. Secondo uno dei pionieri delle biotecnologie in Italia, Riccardo Cortese, che oggi è a capo di un’azienda biotech attiva in Svizzera,l’Okairos, quello che manca nel nostro Paese è la capacità di far emergere le tante competenze che ci sono fra i giovani ricercatori, così come ”non c’è la capacità di attrarre capitali di rischio: una capacità che presuppone il saper valutare le idee”. (ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.