Bit, Agriturist: Italia al palo, rilanciare nell’anno dell’Expo

agriturismo 4“L’Italia turistica, nell’ultimo decennio è rimasta al palo, perché incapace di reggere il passo con i concorrenti. Abbiamo tutte le carte in regola per avere il successo, ma serve un progetto serio, ancor più nell’anno di Expo, che ha come tema proprio la nutrizione e quindi quello che l’agricoltura produce. Iniziative capaci di sviluppare il turismo nazionale, riconquistando ciò che ci spetta per il nostro patrimonio di storia e di esperienze”. Lo sottolinea il presidente Cosimo Melacca nella riunione di giunta di Agriturist, che si tiene in occasione dell’apertura del Bit.
“Per dare valore a questo nostro patrimonio –continua Melacca – non servono tante fiere, soprattutto quando dimenticano il valore dell’agriturismo. Occorre fare essenzialmente tre cose, ma farle presto e sul serio: c’è bisogno del piano strategico del turismo italiano, di una Consulta e di un Osservatorio veri, capaci di farci competere sui mercati internazionali. Solo attraverso un progetto responsabile e iniziative capaci di sviluppare l’agriturismo e il turismo riusciremo a riconquistare il successo internazionale che le nostre aziende agrituristiche meritano”.
“In questa giornata – aggiunge il presidente – festeggiamo cinquanta anni di storia di Agriturist, l’associazione storica che ha dato il nome al fenomeno del turismo nelle aziende agricole. Dalla nascita siamo riusciti ad affermare un turismo in campagna diverso, ma sempre sostenibile, perché ricco della più grande biodiversità d’Europa. Oggi l’Agriturist festeggia l’agriturismo, quello vero, capace di offrire specificità e peculiarità. E’ un turismo sicuramente originale, che arricchisce facendo percepire le meravigliose differenze che offrono le culture delle nostre campagne e dei nostri territori”.
“L’agriturismo – conclude Melacca – è l’antitesi, l’opposto del turismo di massa, tutto uguale dovunque si va. Racchiude ed esalta l’Italia maggiore e quella “minore”, sempre inimitabile, piena di sapori e saperi unici, ognuno dei quali racchiude la storia del suo territorio e delle sue tradizioni. Nelle nostre campagne offriamo un’esperienza di turismo straordinaria, e per questo esclusiva, che permette cogliere autenticità e peculiarità dei nostri luoghi, sempre diversi e sempre eccezionali”.

Nel 2013 gli arrivi negli agriturismi sono stati 2,460mln, il 2,3% del totale degli arrivi in Italia, le presenze circa 10,720mln, pari al 2,8% del totale; la permanenza media è di 4,35 giorni, superiore alla media italiana ferma a 3,62 giorni.
Per quanto riguarda la provenienza degli ospiti l’agriturismo ha una maggiore attrattiva per gli italiani (2,5% degli arrivi), rispetto agli stranieri (2,1%), ma la permanenza media degli stranieri (5,59 giorni) è superiore a quella degli italiani (3,38) giorni. (Elaborazioni Agriturist su dati ISTAT)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.