Bologna: il ministro francese Garot all’Ipercoop Lame per conoscere “Brutti ma buoni”

logo coop“Sono qui per conoscere la vostra esperienza. In Francia e in Europa abbiamo iniziato la lotta contro lo spreco: una battaglia per un nuovo modello di sviluppo, che comporta l’impegno di tutta la società e dei suoi attori economici, e che vinceremo solo insieme, in modo solidale”. Così il ministro dell’Agroalimentare Guillaume Garot ha commentato oggi l’esperienza di recupero degli alimenti invenduti di Coop Adriatica “Brutti ma buoni”, nel corso della visita all’ipercoop Lame di Bologna. L’ipermercato di via Marco Polo è stato la prima tappa della visita del rappresentante del governo francese in città, nell’ambito del suo viaggio per un ciclo d’incontri su come ridurre lo spreco di cibo. Il progetto è stato avviato sotto le due torri nel 2003, ha ricordato il presidente di Coop Adriatica Adriano Turrini, e oggi è attivo in una rete di 85 tra ipercoop e supermercati della Cooperativa in Emilia-Romagna, Veneto, Marche e Abruzzo. L’anno scorso, ha permesso di recuperare 1.106 tonnellate di alimentari invenduti perché con piccole imperfezioni estetiche o prossimi alla scadenza: così, sono stati donati 6.000 pasti al giorno, per un valore di 5,4 milioni di euro a 120 associazioni ed enti benefici che assistono persone bisognose. In tutta Italia, nel 2012, Coop ha donato con progetti analoghi 4.000 tonnellate di alimenti a circa 920 strutture di solidarietà, per un valore di 25 milioni di euro.
Con l’europarlamentare Salvatore Caronna, l’ambasciatore di Francia in Italia Alain Le Roy e il Console francese a Milano, Joel Meyer, il ministro Garot ha visitato l’ipercoop tra lo stupore dei clienti, ha assistito alla preparazione delle merci ed alla loro consegna a un’associazione benefica, intrattenendosi a chiacchierare direttamente con i lavoratori che seguono l’attività. I dipendenti di Coop Adriatica, infatti, ogni mattina preparano e selezionano i prodotti e le merci – ortofrutta, latticini, alimentari confezionati – li controllano secondo rigorose procedure indicate dalle Aziende sanitarie locali e li consegnano alle associazioni beneficiarie, generalmente una o due volte alla settimana. Queste ultime – soprattutto case famiglia, parrocchie, mense e strutture solidali che seguono persone meno abbienti – provvedono infine a realizzare i pasti, o destinano i prodotti all’alimentazione di animali malati o abbandonati: le onlus beneficiarie possono così reinvestire quando risparmiato per il miglioramento delle strutture e della qualità della vita degli assistiti. Grazie al recupero, inoltre, l’iniziativa limita fortemente la produzione di rifiuti.
Dal 2011 la Cooperativa ha avviato anche la raccolta di prodotti invenduti non alimentari: l’anno scorso, gli articoli per l’igiene, la casa, la persona e l’infanzia che sono stati riutilizzati, hanno raggiunto un valore di 327 mila euro.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.