Bottura e Vissani sul podio Tre Forchette Gambero Rosso

bottura3Sul podio delle Tre Forchette Bottura e Vissani, oramai riconosciuti a livello internazionale, ribadiscono il loro predominio nel panorama enogastronomico italiano. La ristorazione italiana, dicono i curatori Clara Barra e Giancarlo Perrotta, “continua a muoversi bene nonostante gli anni di crisi economica e calo dei consumi”. In questa ventiquattresima edizione della guida Ristoranti d’Italia 2014 del Gambero Rosso ben 4 sono i nuovi Tre Forchette entrati nell’Olimpo (2 in Lombardia, 1 in Veneto e il quarto, per la prima volta in assoluto, in Sardegna). Massimo Bottura e Gianfranco Vissani mantengono il primo posto seguiti da Heinz Beck, dalla famiglia Iaccarino del Don Alfonso e da Villa Crespi. Quattro nuovi ingressi nelle Tre Forchette: il Devero Ristorante del Devero Hotel di Cavenago di Brianza (MB) con 91/100, l’Antica Osteria da Cera di Campagna Lupia (VE) con 90/100, il Trussardi alla Scala di Milano con 90/100 e per la prima volta in assoluto un locale sardo di Siddi (VS) il S’Apposentu a Casa Puddu con 90/100. Il segreto del successo per Vissani? “I cuochi – dice il patron del ristorante Vissani a Baschi (Terni) – devono far pressione sul territorio. Valorizzare formaggi e salumi eccellenti e sconosciuti. Grana e Parmigiano girano il mondo, noi dobbiamo puntare sul pecorino calabrese, quello sardo, di Farindola, il Ragusano, le specialità valdostano. Con questi gioielli di territorio si vince”. Nel volume, disponibile anche in versione ebook, 2076 indirizzi, quasi 200 nuove segnalazioni e premi speciali assegnati a diverse categorie che testimoniano come i giovani, oltre al sogno di diventare chef vogliono studiare anche come sommelier o maitre. La Lombardia è la regione leader con 5 locali che detengono il primato delle Tre Forchette, seguita dal Veneto con 3 e dall’Emilia Romagna, Piemonte e Toscana con 2. Fra i Tre Gamberi premiato per la prima volta un locale della regione Basilicata: La Locandiera, di Bernalda (Matera) e anche a livello nazionale il locale di Roma Armando al Pantheon. Al Lazio il primato delle Tre Bottiglie, con 3 locali del vino premiati. Sono 23 le “Tre Forchette”, il massimo riconoscimento della guida Ristoranti d’Italia 2014 presentata oggi dal Gambero Rosso. Scende quest’anno dal podio Heinz Beck de La Pergola de l’Hotel Rome Cavalieri, ma rimane nella ‘top five’ che vede al top Massimo Bottura e Gianfranco Vissani. New entry nel gotha della ristorazione italiana, secondo il giudizio dei curatori Barra e Perrotta, Devero Ristorante del Devero Hotel Cavenago di Brianza (MB); Trussardi alla Scala (Milano); Antica Osteria da Cera – Campagna Lupia (VE); e S’Apposentu a Casa Puddu – Siddi (VS). Perdono invece le Tre Forchette Uliassi – Senigallia (AN) e Oasis Sapori Antichi – Vallesaccarda (AV). Questi i miglior ristoranti italiani, secondo il Gambero Rosso: Osteria Francescana – Modena; Vissani – Baschi (TR); Don Alfonso 1890 a Sant’Agata sui Due Golfi (NA); La Pergola de l’Hotel Rome Cavalieri – Roma; Villa Crespi – Orta San Giulio (No); Piazza Duomo – Alba (CN); La Torre del Saracino – Vico Equense (NA); Le Calandre – Rubano (PD); Laite – Sappada (BL); Lorenzo – Forte dei Marmi (LU); La Madia – Licata (AG); Dal Pescatore Santini – Canneto sull’Oglio (MN); Reale – Castel di Sangro (AQ); St. Hubertus dell’Hotel Rosa Alpina a San Cassiano (BZ); Devero Ristorante del Devero Hotel Cavenago di Brianza (Mb); La Madonnina del Pescatore – Senigallia (AN); Il Pellicano – Porto Ercole (GR); Ilario Vinciguerrra Restaurant – Gallarate (VA); Da Vittorio – Brusaporto (BG); Antica Osteria da Cera – Campagna Lupia (VE); Il Povero Diavolo – Torriana (RN); S’Apposentu a Casa Puddu – Siddi (VS); Trussardi alla Scala – Milano. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.