Con la crisi il brindisi si fa in ufficio

cena ristoranteLa crisi si fa sentire e per risparmiare, insieme ai tradizionali regali di Natale, si tagliano le cene aziendali. Gli auguri si scambiano in ufficio, magari con un brindisi veloce.

Un cambio di rotta che per la ristorazione tradizionale signfica 3 miliardi di euro in meno l’anno, pari al 16,4% del giro d’affari. La constatazione arriva dall’analisi del centro studi di Fipe-Confcommercio Imprese per l’Italia, che in occasione delle festivita’ ha scandagliato la ristorazione legata al mondo del lavoro e degli affari, stimando quest’anno una flessione di circa dieci punti, pari in valore assoluto a 290 milioni di euro.

Per ben otto ristoratori su dieci la crisi si e’ fatta sentire in maniera pesante: il 18% ha registrato un calo del numero dei coperti; il 21% una sensibile riduzione della spesa media, mentre il 21% li ha visti calare entrambi.
Nemmeno a Natale, periodo tradizionalmente positivo per la ristorazione, si è invertita la tendenza:
nel 2009 infatti il giro di affari dei ristoratori per il brindisi pre-festivo e’ calato del 22,8% rispetto allo scorso anno con una perdita di valore assoluto pari a 117 milioni di euro, una flessione piuttosto consistente se si considera che per i ristoranti specializzati nella clientela d’affari questa cifra rappresenta il 50% del fatturato del mese di dicembre.
Le aziende infatti, pur di tagliare il budget di Natale, privilegiano il menu fisso a quello alla carta; ordinano carne piuttosto che pesce e, sul vino, privilegiano un minore ricambio di etichette durante il pasto. Relativamente pochi, tra il 15 e il 20%, quanti risparmiano sulla qualità.
npercentuale minore nvece le percentuali di chi dichiara che le aziende si orientano verso cibi

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.