Bruxelles più flessibile su vecchi fondi rurali

Comunita europea 2Più flessibilità per i fondi europei destinati allo sviluppo rurale e da spendere entro il 2015, che interessano le Regioni in primis. La novità arriva dalla Commissione Ue, che ha adottato un provvedimento per aumentare le chances degli Stati membri ancora indietro con l’uso del loro budget del Fondo europeo di sviluppo rurale per i relativi programmi regionali, per il periodo 2007-2013. Secondo le regole Ue infatti, tutti i fondi impegnati nel 2013 nell’ambito dei programmi di sviluppo rurale vanno poi spesi entro la fine di quest’anno. Per facilitare gli investimenti, l’esecutivo Ue ha quindi deciso di consentire più flessibilità per lo spostamento di una spesa da un asse all’altro d’azione dei singoli programmi e di autorizzare un’estensione della scadenza per riuscire a presentare queste modifiche. Il provvedimento di Bruxelles arriva a seguito di espressa richiesta da parte degli Stati membri, e prevede nello specifico di permettere che fino al 5% del budget totale dei programmi di sviluppo rurale, contro il 3% precedentemente concesso, possa cambiare destinazione d’uso. Questa possibilità dovrebbe quindi agevolare i programmi nazionali e regionali che ancora si trovano in difficoltà rispetto agli impegni di spesa assunti e di utilizzare al meglio le risorse europee dedicate alle aree rurali ancora disponibili. (ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.