Caccia allo storno: Rabboni, situazione assurda e incomprensibile

Tiberio Rabboni, assessore all’Agricoltura, economia ittica e attività faunistico-venatoria della regione Emilia Romagna, ha puntualizzato, con una nota, la posizione della Regione sulla caccia in deroga allo storno. Rabboni ricorda che a fine luglio, insieme a tutte le associazioni venatorie ed agricole regionali, aveva inviato al Governo e all’Ispra “la formale richiesta di un indirizzo nazionale sulle cacce in deroga coerente con i dati di buona conservazione della specie storno in Italia che la stessa Ispra ha recentemente documentato ai Ministeri e all’Ue. E ciò per uscire dal doppio paradosso in cui ci troviamo: l’ Ispra la considera una specie di fatto cacciabile ma ci nega le deroghe praticate negli ultimi anni, così come ci nega la deroga per le piccole quantità”. “Il parere negativo dell’Ispra – afferma Rabboni – ci espone all’infrazione europea e al taglio dei fondi destinati a cittadini ed imprese. In presenza di un intervento siffatto modificheremo immediatamente la delibera di fine luglio per adeguarla ai nuovi contenuti. Purtroppo ad oggi non abbiamo avuto alcuna risposta. Per questo bisogna insistere. Noi insisteremo. Chiedo però a tutte le Province e alle associazioni venatorie ed agricole provinciali di fare altrettanto. In Assemblea legislativa regionale i consiglieri Mario Mazzotti e Tiziano Alessandrini hanno presentato una risoluzione in questo senso. Essa può essere ripresa ed adottata anche da altri soggetti e trasmessa ai Ministeri e ad Ispra. Solo con una pressione straordinaria e univocamente indirizzata al Governo, che ha la responsabilità e l’obbligo di formulare indirizzi nazionali per le cacce in deroga, si potrà uscire da una situazione assurda ed incomprensibile”. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.