Caccia Emilia Romagna : deroga per lo storno

In Emilia-Romagna quest’anno si potrà cacciare allo storno, ma
permane il divieto di prelievo venatorio per la tortora dal collare. La
Giunta regionale ha infatti deliberato in merito, nei tempi previsti
dalla legge regionale e consultate tutte le organizzazioni, le
associazioni interessate e le Province. “Una delibera equilibrata – dice
l’assessore regionale all’Agricoltura e all’Attività venatoria Tiberio
Rabboni – con cui la Regione affronta seriamente il problema del
contenimento dei danni all’agricoltura provocati dalla fauna selvatica,
senza rinunciare alla necessaria opera di tutela e salvaguardia di
specie minacciate e protette. Auspichiamo che quest’anno si possa dare
corretta attuazione della delibera, senza i ricorsi che sono seguiti a
questi atti amministrativi in passato, tutti peraltro risolti in modo
favorevole alla Regione”.

Nei modi dettagliati per ogni provincia, sarà dunque possibile il
prelievo venatorio dello storno in deroga al generale divieto di caccia
a questa specie, protetta da una direttiva comunitaria e dalla legge
nazionale. La deroga viene concessa per contenere i danni
all’agricoltura prodotti dallo storno, dato che i metodi di prevenzione
non cruenti e i piani di controllo hanno mostrato la loro inefficacia.

Si è invece ritenuto che non sussistano le condizioni per consentire la
caccia in deroga alla tortora dal collare. La decisione della Regione è
stata assunta in base al parere contrario dell’ISPRA, l’istituto
nazionale competente per la tutela della fauna selvatica, e in base alla
sentenza del 15 luglio scorso con la quale la Corte di Giustizia Europea
ha condannato lo Stato italiano e le Regioni per la mancata o erronea
applicazione della Direttiva Uccelli negli anni passati. Considerata poi
l’entità dei danni alle colture accertati, quantificabili in poche
migliaia di euro, la Giunta ha valutato che non sussistano i “danni
gravi e ripetuti” per giustificare il ricorso alla deroga.

“Fino a quando queste specie di volatili sono protette dobbiamo
necessariamente attenerci alle regole comunitarie e nazionali, e
proporre la caccia in deroga solo sulla base di danni significativi
all’agricoltura – spiega l’assessore Rabboni, che aggiunge – Ai
consiglieri del PdL che in questi giorni hanno parlato di ‘teatrino
della caccia in deroga’, ricordo che è il Governo a doversi attivare in
sede europea per chiedere la cancellazione di queste specie dall’elenco
di quelle protette, e non mi risulta che siano state intraprese azioni
in questo senso”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.