Caccia: i numeri e le specie a rischio per gli animalisti

Dal primo settembre le doppiette dei cacciatori tornano in azione. In attesa della stagione venatoria ufficiale, in programma dal 18 settembre al 30 gennaio, 15 regioni italiane daranno il via alla pre-apertura della caccia, con date diverse fino al 18 settembre, mettendo a rischio, secondo le associazioni ambientaliste, alcune specie di animali. Ecco i numeri della stagione venatoria 2011-2012, i rischi per la fauna e il numero di cacciatori.
LE SPECIE. Nel complesso, le doppiette potranno colpire 12 specie di uccelli e 5 di mammiferi, con differenze da regione a regione. Gli uccelli cacciabili in pre-apertura sono l’alzavola, il beccaccino, il colombaccio, la cornacchia grigia, la cornacchia nera, la gazza, la ghiandaia, il germano reale, la marzaiola, il merlo, la quaglia e la tortora. I mammiferi per cui la stagione si apre in anticipo sono il camoscio, il capriolo, il cinghiale, il coniglio selvatico e la volpe.
LE SPECIE PIU’ A RISCHIO. Tra i volatili, spiega la Lipu, la marzaiola, la tortora, la quaglia e il beccaccino sono quelli che hanno uno status di conservazione sfavorevole. Tra i mammiferi, secondo il Wwf Italia, a risentire di più delle pre-aperture saranno i caprioli giovani, ma anche quegli animali che si cibano del coniglio selvatico come ad esempio l’aquila del Bonelli in Sicilia. LE REGIONI COINVOLTE. Le preaperture sono previste, in diverse giornate dal primo al 18 settembre, in Valle D’Aosta, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna, insieme a tutte le province dell’Emilia Romagna, a buona parte di quelle toscane e alla provincia lombarda di Brescia. Restano esclusi, quindi, il Trentino Alto Adige, il Piemonte, la Liguria, il Molise e la Campania, quest’ultima per la sentenza del Tar che oggi ha fermato la preapertura della caccia.
I CACCIATORI ITALIANI. Secondo i dati forniti dal ministero delle Politiche agricole, relativi al 2009, sono circa 710 mila i cacciatori in 14 regioni. La regione con il maggior numero di doppiette è la Toscana (126.734), seguita dal Lombardia (90.750), Lazio (89.840) ed Emilia Romagna (69.060). (ANSA).

Tags:

Un Commento in “Caccia: i numeri e le specie a rischio per gli animalisti”

Trackbacks

  1. Caccia: con la preapertura tornano anche le polemiche | Con i piedi per terra

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.