Caccia: la Tortora dal Collare è salva

”La scelta di non inserire la Tortora dal Collare tra le specie cacciabili” era giunta dopo le sanzioni Ue del luglio scorso, che avevano colpito l’Italia per lo storno cacciato in deroga al divieto. Lo ha spiegato l’assessore regionale all’agricoltura, Tiberio Rabboni, rispondendo ad una interpellanza di Luca Bartolini e Gianguido Bazzoni del Pdl. Una decisione, quella che conferma la Tortora dal Collare fuori dalla caccia in deroga – ha rilevato – che ”e’ stata assunta alla luce del parere dell’Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale) che ha ridimensionato i danni agricoli arrecati da questa specie. Il teatrino degli ‘stop and go’ della caccia in deroga – ha aggiunto – e’ imputabile alle inadempienze del Governo” che, per modificare la ‘Direttiva uccelli’, si e’ mosso in sede comunitaria ”con il solo ministro delle politiche agricole, e non nel suo insieme come la Commissione Ue si aspettava”. La direttiva – ha ricordato Rabboni – impedisce il prelievo venatorio dello storno in Italia e, in seguito alla sua violazione, ”la Corte di Giustizia dell’Unione europea ha condannato il nostro Paese”. Bartolini, nella replica, ha ricordato i danni provocati agli agricoltori dalle specie non cacciabili spiegando che, a suo avviso, sarebbe ”meglio pagare le sanzioni piuttosto che i danni agricoli arrecati ai nostri territori”. (ANSA).

Un Commento in “Caccia: la Tortora dal Collare è salva”

  • Rispo scritto il 11 gennaio 2011 pmmartedìTuesdayEurope/Rome 13:36

    Proprio bravo questo Bartolini: quelli che dovrebbero essere i primi a far rispettare la legge, si dicono disposti persino a pagare multe (coi soldi statali) pur di non rispettarla. Faccia una cosa il sig. Bartolini: la sanzione la paghi di TASCA SUA, se è davvero convinto che sarebbe meglio pagare la sanzione.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.