Calano le semine di grano in Italia. Coldiretti, allarme pasta

Le semine di grano in Italia sono crollate del 7,3%, pari a 100mila ettari coltivati in meno. A lanciare l’allarme e ad indicare la causa nel crollo delle quotazioni, ben al di sotto dei costi di produzione, è Coldiretti che chiede di accelerare il percorso per arrivare all’indicazione dell’origine nell’etichetta della pasta.

La riduzione delle semine – denuncia Coldiretti – peserà sulla produzione di pasta con materia prima italiana, ma non solo. A rischio, secondo l’organizzazione agricola, sono anche i posti di lavoro e il presidio del territorio. Il crollo delle semine ha riguardato soprattutto il Nord est (-11,6%) e il Sud (-7,4%), mentre nel Centro Italia si è fermata al -5,4%.

A preoccupare in modo particolare è la situazione di Puglia e Sicilia, da sempre grandi produttrici di grano, che da sole forniscono la metà del prodotto nazionale, penalizzato – afferma Coldiretti – dalle speculazioni e dalle importazioni a basso costo dall’estero. Una realtà che rischia di essere favorita dall’approvazione da parte dell’Europarlamento del Ceta (Comprehensive Economic and Trade Agreement), con il Canada che rappresenta il primo esportatore di grano duro in Italia.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.