Caldo: “acqua bianca” provoca moria di vongole a Goro

vongole
Moria di vongole senza precedenti nella Sacca di Goro. Lo comunica Coldiretti Impresa Pesca Emilia Romagna, sottolineando che tre settimane di caldo torrido hanno portato la temperatura dell’acqua a livelli altissimi, fino a 35 gradi provocando il fenomeno dell’”acqua bianca”, cioè acqua priva di ossigeno che non consente la respirazione delle vongole, portandole alla morte.

Ci troviamo davanti a disastro ambientale che può mettere in ginocchio l’intero settore – afferma Coldiretti Impresa Pesca regionale – che a Goro conta 44 cooperative dedite all’allevamento della vongola verace, 2.700 ettari di estensione, 1.300 addetti, 20.000 tonnellate di prodotto commercializzato per un volume di affari tra i 50 e i 70 milioni di euro.

L’acqua bianca ha già pregiudicato il raccolto del 100 per cento nella zona rossa (zona a rischio anossico) e sta attaccando anche altre zone che non erano mai state toccate da questo fenomeno come l’area di delocalizzazione del Basunsin e anche le concessioni più produttive.

Per cercare di limitare il disastro ambientale e produttivo, in un incontro con l’assessore regionale all’Agricoltura Caccia e Pesca, Simona Caselli, Coldiretti Impresa Pesca ha chiesto la delocalizzazione straordinaria in tempi brevi degli allevamenti in zona Pianasso, che è la zona più a mare, per permettere alle cooperative interessate di spostare il loro prodotto per un massimo di 60 giorni e in questo modo limitare il più possibile la moria di vongole. L’organizzazione dei pescatori di Coldiretti ha anche ha chiesto di attivare tutte le procedure per la dichiarazione di calamità naturale in soccorso di quelle cooperative che hanno perso tutto.

Nonostante gli interventi già messi a punto con il progetto comunitario Life (dalla risistemazione dell’area con canali, che impediscano alla sabbia di chiudere la sacca, al dragaggio gestito direttamente dai pescatori, fino monitoraggi in collaborazione con l’Università di Ferrara), di fronte ad andamenti climatici eccezionali che diventano sempre più normali, Coldiretti Impresa Pesca ritiene necessari anche interventi che diano più stabilità alle imprese del settore, con un piano d’investimenti delle cooperative, che sarebbero disposte a mettere a disposizione il 2-3 per cento del valore commercializzato, e avviare miglioramenti produttivi con il sostegno di strumenti di facilitazione all’accesso del credito, di consulenza finanziaria, di progetti condivisi di commercializzazione e della creazione di prodotti assicurativi per salvaguardare il reddito.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.