Capodanno: è tempo di zamponi, cotechini e lenticchie


Quasi cinque milioni di chili tra cotechini e zamponi verranno consumati durante le festivita’ di fine anno, pari a circa il 95% della produzione totale nazionale. E’ quanto stima la Coldiretti, sottolineando che la preferenza degli italiani va ai cotechini il cui consumo in quantita’ supera di oltre il doppio di quello degli zamponi. Insieme a due piatti storici, spiega la Coldiretti, e’ immancabile la presenza delle lenticchie chiamate a ”portar fortuna” con un consumo stimato di un milione di chili. La nascita dello zampone viene fatta risalire intorno al 1511, anno in cui le truppe di Giulio II, Papa guerriero, assediarono Mirandola, fedelissima alla Francia. Gli abitanti della citta’ per non lasciare ai nemici i pochi suini rimasti, li uccisero tutti e per non sprecare la carne la affidarono ad un cuoco, che ebbe l’idea di tritare tutta la carne e miscelarla, com’era uso nella cucina rinascimentale, con molte spezie. Una volta completata questa operazione inseri’ il composto nella pelle delle zampe anteriori dei maiali, per poterlo conservare a lungo e cuocerlo al momento opportuno. Nacque cosi’ – continua la Coldiretti – il prototipo del famoso zampone di capodanno. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.