Caporalato e agromafie: si studia al’Universita’ di Foggia

raccolta pomodoriIn occasione dei 100 Passi di avvicinamento alla Giornata della Memoria di Libera a Firenze del 16 Marzo, Link Foggia, in collaborazione con la Rete della Conoscenza, propone un momento di riflessione per l’università di Foggia su un tema particolarmente sentito : le infiltrazioni della criminalità organizzata nell´agricoltura. Nello specifico, e’ stato approfondito il fenomeno dello sfruttamento dei braccianti, soprattutto migranti, e del reato di Caporalato, e in occasione del convegno e’ stato presentato il ‘Primo rapporto su caporalato e agromafie – Criminalità organizzata nell´agricoltura – a cura dell´Osservatorio Placido Rizzotto´ della Flai Cgil. Secondo la ‘Mappa delle aree a rischio sfruttamento lavorativo in agricoltura´, dunque, d´estate la provincia di Foggia si trasforma in epicentro pericoloso, e viene segnalato come Zona a rischio. E´ qui, dunque, che le condizioni di lavoro vengono siglate con una stella: gravemente sfruttato. Le zone a rischio de Criminalità organizzata nell´agricoltura e della Capitanata vanno dal Lago di Lesina a Cerignola passando per Rignano Garganico. In autunno la situazione nel foggiano migliora, soprattutto perché i migranti vanno in Calabria per la raccolta delle arance. In inverno, addirittura, quando a lavorare nei campi restano soltanto i cittadini dell´Est, il Rapporto segna il foggiano con due stelle, che rappresentato condizioni di vita indecenti.
http://www.controcampus.it

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.