Carnevale: con la crisi i dolci sono “fai da te”

chiacchiere
La crisi deprime i consumi di frappe, castagnole, frittelle e altre specialità locali. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori, che stima in tutto il periodo carnevalesco un consumo dei prodotti tipici pari a 19,5 milioni di chili, con una riduzione in quantità dell’11 per cento rispetto allo scorso anno, quando erano stati consumati 22 milioni di chili di classici dolci della festa. Anche la spesa complessiva è stimata in calo a 120 milioni di euro, contro i 150 milioni del 2012. Il fatto è che con la crisi e i portafogli vuoti – osserva la Cia – non solo il 50 per cento delle famiglie è obbligato a ridurre di netto il budget per la tavola, “rosicchiato” da utenze, affitti, mutui e carburanti, ma oggi ben due italiani su tre devono dire addio a ogni tipo di ‘sfizio’ culinario, come appunto la pasticceria di Carnevale. Contemporaneamente, però, cresce il ‘fai da te’ – sottolinea la Cia – con il 15 per cento degli italiani che, in occasioni speciali come questa, torna a mettere ‘le mani in pasta’. D’altra parte – conclude la Cia – la spesa per le frappe fatte in case si può contenere entro i 5 euro per chilo, con un risparmio enorme rispetto ai prezzi al dettaglio. Al consumo, infatti, lo stesso quantitativo costa in media dai 14 ai 20 euro.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.