Celebrazioni per i 50 anni della strada del prosecco superiore

prosecco ConeglianoCompie mezzo secolo la Strada del Prosecco e Vini dei Colli Conegliano Valdobbiadene, primo esempio italiano di percorso enoturistico che ha trainato lo sviluppo economico e ricettivo dell’area.
La celebrazione della ricorrenza prevede un programma di iniziative che si apre nel secondo weekend di settembre, venerdì 9 e sabato 10 settembre, con la “Centomiglia sulla Strada del Prosecco Superiore”, manifestazione turistica culturale per auto d’epoca di prestigio (http://goo.gl/NtuOxm), e si chiude domenica 13 novembre con la “Caccia al Tesoro” lungo la Strada del Vino tra le colline di Conegliano Valdobbiadene, in concomitanza con la Giornata Europea dell’Enoturismo.
Domenica 11 settembre si tiene invece la “Rievocazione storica lungo la Strada del Prosecco” con figuranti in costumi d’epoca, tamburini, sbandieratori, carrozze trainate da cavalli, cantine aperte ed iniziative di intrattenimento lungo il percorso.
Quella del Prosecco e vini dei Colli Conegliano Valdobbiadene è la strada dei vini più antica d’Italia, spesso d’esempio per le tante altre che oggi si dipanano lungo tutto lo stivale. E’ un percorso che si ramifica in itinerari che coprono l’intera fascia collinare da Conegliano a Valdobbiadene, nella parte settentrionale della provincia di Treviso, abbracciando quella comunità di persone e territorio che ha creato un vero e proprio fenomeno dell’enologia mondiale moderna: il Conegliano Valdobbiadene Prosecco DOCG.Questa prima arteria enologica italiana, ideata nel 1966, è stata ripresa e ampliata nel 2003 affiancando ai tratti storici percorsi tematici in grado di valorizzare tutto il territorio, i suoi diversi paesaggi viticoli e le tante attrattive anche storico-artistiche, disseminate lungo le colline tra Conegliano e Valdobbiadene.
Il punto di partenza della Strada coincide, non per caso, con la Scuola enologica di Conegliano, la prima creata in Italia, nel 1876. Da lì si parte per Collalbrigo, che regala suggestivi panorami sui colli circostanti. Quindi si prosegue verso Rua di Feletto e il suo seicentesco eremo camaldolese, per arrivare a San Pietro di Feletto ove sorge la splendida Pieve del XII secolo. Il successivo tratto di strada, tra un susseguirsi di scorci suggestivi sui colli del Felettano, si dipana fino a Refrontolo, nota per l’antico ‘Molinetto della Croda’ e la produzione di un piccolo gioiello enologico, il Refrontolo Passito Docg. Arrivati a Solighetto, c’è la settecentesca Villa Brandolini, sede del Consorzio di tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Docg, istituito nel 1962. A Farra di Soligo, si possono ammirare le medievali Torri di Credazzo, testimonianza della presenza longobarda, e l’autentico gioiello della Chiesetta di San Virgilio. E poi ancora Colbertaldo da dove si prosegue verso nord immergendosi tra infiniti vigneti per raggiungere quello che è il “cru” per eccellenza dell’area Docg: la collina del Cartizze, da cui si ricava l’omonimo pregiato spumante. Dal basso, dirigendosi verso il Follo e risalendo poi verso Santo Stefano, si incontrano alcuni tra i più bei panorami della zona finché, oltrepassati Santo Stefano e San Pietro di Barbozza, si arriva infine a Valdobbiadene.
Così con i suoi 120 chilometri complessivi che si addentrano e si inerpicano lungo le Rive da Conegliano a Valdobbiadene, il tracciato guida il visitatore tra vigneti ininterrotti, borghi e paesi dove si respira il sapore della secolare arte enoica di queste terre, che proprio quest’anno hanno ottenuto il riconoscimento di Paesaggio Rurale Storico, grazie alla storia, alle tradizioni, al paesaggio ed ora aspirano alla nomina di Patrimonio UNESCO.
Le colline di Conegliano Valdobbiadene sono state inoltre nominate quest’anno “Città Europea del Vino 2016”. E proprio nell’ambito del programma delle celebrazioni per i 50 anni della Strada del Prosecco Superiore si terrà presso Villa Brandolini in Solighetto venerdì 14 ottobre un convegno dedicato al turismo sostenibile in occasione della Convention dell’Associazione Nazionale Città del Vino.
La Strada del Prosecco e dei vini dei Colli Conegliano Valdobbiadene è una associazione, riconosciuta dalla Regione Veneto, alla quale aderiscono i Comuni e numerosi operatori privati (cantine, aziende agricole e agrituristiche, alberghi, ristoranti e così via) di Conegliano-Valdobbiadene, che punta a creare strategie di valorizzazione dei prodotti tipici basate su percorsi enogastronomici. Tra le altre attività cura, in collaborazione con il Consorzio di Tutela, la mappa cartacea ed il magazine turistico “Visit Conegliano Valdobbiadene”. Ed inoltre l’organizzazione della manifestazione di auto storiche “Centomiglia sulla Strada del Prosecco Superiore”, ed i Weekend in Cantina. Informazioni sugli itinerari e spunti per le visite nel territorio sono presenti nel portale www.coneglianovaldobbiadene.it.
Il Consorzio di Tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG è l’ente privato, nato nel 1962, che garantisce e controlla il rispetto del disciplinare di produzione del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG. Lo spumante prodotto sulle colline tra Conegliano e Valdobbiadene, in provincia di Treviso, ha ottenuto la Denominazione di Origine Controllata nel 1969 e la Denominazione di Origine Controllata e Garantita nel 2009. Il territorio di produzione comprende 15 comuni: Conegliano, San Vendemiano, Colle Umberto, Vittorio Veneto, Tarzo, Cison di Valmarino, San Pietro di Feletto, Refrontolo, Susegana, Pieve di Soligo, Farra di Soligo, Follina, Miane, Vidor e Valdobbiadene. Il Consorzio, attualmente presieduto da Innocente Nardi, ha sede in località Solighetto a Pieve di Soligo, raggruppa 183 case spumantistiche e tutte le categorie di produttori (viticoltori, vinificatori e imbottigliatori).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.