CER a Rimini, al via il maxi-cantiere per il prolungamento

lavori CERLa corsa del Canale Emiliano Romagnolo nel riminese – che porterà entro il 2017 l’acqua del CER ad irrigare oltre 800 ettari di territorio – inizia a ritmo velocissimo e il maxi-cantiere che ne sta costruendo in queste ore il prolungamento di 2 km sino al Rio Pircio è già ben visibile e operativo. I lavori, proprio in questi giorni, stanno marciando a ritmi altissimi e una nutrita squadra di ingegneri, tecnici specializzati e operai – guidati dal direttore dei lavori Michele Marini – sta effettuando la realizzazione del sifone, il montaggio delle armature metalliche e il getto del calcestruzzo per il definitivo consolidamento e la messa in sicurezza dell’importante struttura idraulica. “In un periodo in cui molte opere con funzione collettiva subiscono ritardi o addirittura cancellazioni – ha rimarcato il presidente del CER Massimiliano Pederzoli – proprio grazie a questo progetto di prolungamento dell’asta del canale garantiremo l’arrivo puntuale della risorsa idrica in un comprensorio siccitoso come quello di Rimini; una novità strutturale che potrà finalmente fornire garanzie economiche certe a tutta la cittadinanza e in particolar modo alle imprese agricole. Il ritmo con cui il cantiere è partito e sta procedendo ci rassicura sulle scadenze previste”. A tal proposito il laboratorio scientifico di ricerca del Canale Emiliano Romagnolo – coordinato dal direttore generale Paolo Mannini – rende pubblici alcuni dati di sistema di sicura evidenza per la comunità, dati che confermano i molteplici benefici di tipo ambientale ed economico determinati proprio dalla realizzazione di questa opera strategica. Nel comprensorio riminese infatti sono insediate aziende agricole perlopiù di piccole e medie dimensioni che vedono nella coltivazione di specie ortive da consumo fresco (molto idro-esigenti e da alto reddito), la base indispensabile per la vitalità economica di impresa e per il reddito della famiglia coltivatrice. “In questo scenario – commenta Mannini – la prospettiva di avere con continuità la certezza di una risorsa idrica di buona qualità porterà un alto valore aggiunto al territorio. Le stime effettuate dai laboratori di ricerca valutano che i 2 km di canale porteranno acqua su oltre 600 ettari di colture irrigue, con un incremento di Produzione lorda vendibile di oltre 4 milioni di euro, ai quali, detraendo i costi vivi aziendali conseguenti ai costi dell’attività irrigua, si giunge a stimare il beneficio monetario annuo di circa 2,2 milioni di euro complessivi in un annata medio arida”. Il prolungamento del canale sarà in parte interrato ed in parte a cielo aperto e la distribuzione provvisoria dell’acqua  sarà effettuata “a gravità” utilizzando la presenza della fitta rete di canali di scolo situati altimetricamente a valle dell’adduttore e quindi tra lo stesso e il mare. Gli agricoltori potranno così attingere temporaneamente dall’asta dell’adduttore, mettendo in pressione proprie tubazioni aziendali per portare l’acqua sino a 200-300 metri a monte del canale ed in destra idraulica del Rio Pircio. Sotto il profilo ambientale l’apporto di acque superficiali in sostituzione di quelle da falda determina anche un deciso contrasto al devastante fenomeno della subsidenza del territorio che, lungo tutta la costa romagnola, causa la perdita della spiaggia con conseguenze negative per il turismo ed elevati costi per gli interventi di ripascimento degli arenili. L’acqua portata dal Po contrasta anche le ingressioni di acqua salata in falda lungo la costa e migliora la qualità delle acque dei corsi idrici naturali ed artificiali impiegati per il trasporto dell’acqua del CER. Anche i trapianti di alcune tipologie ortive godranno del beneficio portato dall’acqua priva di salinità che ne migliorerà l’attecchimento. Sotto il profilo dei costi di realizzazione il CER offre una pratica virtuosa: il progetto che prolunga l’asta nel riminese  – e che tra le altre cose comprende la costruzione di attraversamenti, ponti stradali ed ecologici – ha un valore complessivo di 12 milioni di euro resi disponibili da economie maturate dal Consorzio stesso negli anni precedenti.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.