Cereali a rischio a causa del caldo e delle aflatossine


Il caldo torrido dell’estate 2012 rischia di mettere in ginocchio migliaia di aziende agricole della filiera cerealicola nel Friuli Venezia Giulia e nelle altre regioni del Nord. A risentirne potrebbe essere anche la filiera del latte che utilizza i cereali (soprattutto mais) come alimento per i bovini. A lanciare l’allarme è Fedagri, precisando che a causare la situazione è il livello delle aflatossine che si sviluppano abbondanti sulla granella soprattutto nelle annate caratterizzate da temperature molto elevate e clima umido, come accaduto nel 2003. Il rischio è che una parte rilevante del raccolto non possa essere commercializzata per ragioni sanitarie, in quanto supererebbe i limiti europei stabiliti per il contenuto di micotossine. “Si tratta di una vera e propria calamità per uno dei settori trainanti dell’agricoltura regionale – spiegano da Confcooperative Fvg – e la filiera del latte potrebbe risentirne in maniera considerevole: centinaia di aziende zootecniche, infatti, sono a rischio perché alimentano le bovine con mais e insilato di mais contaminato dalle tossine”. Il danno sarebbe dunque enorme e per questo Fedagri Fvg si è fatta capofila delle altre regioni del Nord (Veneto, Lombardia, Emilia-Romagna) per presentare ai Ministeri della Salute e delle Politiche agricole un documento per chiedere delle deroghe ai limiti imposti per le aflatossine. Le cooperative agricole chiedono infatti, come misura straordinaria per scongiurare la perdita del raccolto e la crisi del settore, di adottare temporaneamente i limiti, più alti, previsti negli Stati Uniti per lo stesso tipo di tossine.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.