Cereali: CESAC, trebbiatura anticipata e rese minori. Bene il mais

CAMPO DI GRANO E TREBBIAMentre sui mercati internazionali la campagna dei cereali è iniziata in salita in seguito agli ingenti stock di produzione 2014 ancora in giacenza nei magazzini, in Italia e in alcuni altri paesi europei si registra una forte contrazione produttiva (pari al 30-35% per mais, sorgo e soia) a causa delle temperature elevate dell’estate 2015 e dei conseguenti, diffusi, attacchi patogeni.
“Per effetto di questo caldo pesante ed insistente – dichiara Stefano Andraghetti, presidente del CESAC di Conselice (RA), realtà di rilievo nel settore cerealicolo con un conferimento potenziale di 90.000 tonnellate – la trebbiatura è cominciata in grande anticipo, in alcuni casi anche prima di Ferragosto.
Di conseguenza, le rese produttive sono diminuite sensibilmente per tutte le principali specie, passando da 100 a 65 quintali ad ettaro per il sorgo e da 120 a 75 quintali per il mais; per la soia le previsioni indicano una contrazione da 40 a 25 quintali ad ettaro”.
“Contrariamente a quanto registrato per le orticole – prosegue Andraghetti – la diminuzione produttiva non ha determinato un aumento dei prezzi, che a fine agosto hanno invece mostrato una flessione per il grano duro, oggi quotato sui 29 euro al quintale, praticamente 10 euro in più rispetto al grano tenero”.
“Dal momento che le attuali quotazioni di grano tenero e mais non riescono nemmeno a coprire i semplici costi di produzione – rincara Andraghetti – c’è il rischio concreto che queste due colture possano scomparire in breve dai programmi di semina degli agricoltori: questa inquietante eventualità non deve assolutamente concretizzarsi perché metterebbe a rischio produzioni italiane di alta qualità e favorirebbe, dall’altro lato, il ricorso alle importazioni tout court”.
“Dopo una fase caratterizzata da notevoli acquisti da parte dell’industria molitoria in giugno e luglio, – dichiara il presidente del Centro Economico Servizi Agricoli – la domanda si è fortemente ridotta da agosto a tutt’oggi. Nello stesso tempo, le notizie provenienti dai principali mercati internazionali relative ad una produzione abbondante costituiscono un freno per qualsiasi aumento delle quotazioni dei cereali. Da qui l’attuale impossibilità a formulare previsioni di medio-lungo periodo, anche a causa di una serie di fattori economico-politici di natura internazionale che fanno sentire i propri effetti negativi anche sulle nostre produzioni cerealicole”.
Terminata la campagna del mais, caratterizzato da un livello qualitativo più che soddisfacente, nella seconda decade di settembre è iniziata la raccolta della soia. Contemporaneamente, i produttori del CESAC si stanno già preparando per le semine autunnali di grano tenero e duro.
A fronte della sensibile differenza di prezzo tra le due specie, la cooperativa registra un forte aumento delle semine di grano duro, che potrebbe anche superare l’80% del totale.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.