Chi beve il giusto rischia meno di astemi e forti bevitori

Chi beve ‘niente’ e chi beve troppo rischia di piu’, in termini di mortalita’, di chi beve con moderazione, vino rosso in particolare. Un consumo ragionevole per due settimane puo’ avere effetti inibitori del rischio-trombosi (nel 50% dei casi inibisce l’aggregazione piastrinica che causa il trombo) e, aumentando il ‘colesterolo buono’, contrasta l’ipertensione. E, secondo uno studio recentemente pubblicato su The Lancet da due italiani (Roberto Ferrari e Claudio Rapezzi) il consumatore di vino, se confrontato con chi predilige la birra quotidianamente, ha una dieta generalmente piu’ salutare, che comprende pesce, olio e cereali, e segue i dettami della dieta mediterranea. La ricerca italiana promuove dunque il bere responsabile, secondo quanto emerso in due appuntamenti in terra toscana. A Firenze gli Stati generali del Chianti, dove il ricercatore Francesco Sofi ha ripercorso per ‘Chianti e salute’ le ricerche pro vino rosso a pasto dal 1972, anno in cui la letteratura scientifica sottolineo’ il ‘paradosso francese’ con il massimo consumo di vino rosso correlato ad una bassa incidenza delle malattie cardiovascolari, che in tutto il mondo e’ la prima causa di mortalita’. Mentre 15 università, 6 enti di ricerca, 32 gruppi impegnati a livello internazionale negli studi sugli effetti del consumo moderato di alcol, hanno partecipato, nella Certosa di Pontignano a Siena il 10 e 11 giugno, a un seminario scientifico sul bere responsabile nella dieta mediterranea e nello stile di vita italiano. Iniziativa frutto della collaborazione tra il gruppo ‘Umberto Pallotta Vino e Salute’ dell’Accademia italiana della vite e del vino, l’Accademia dei Georgofili, l’Università Cattolica di Campobasso e le Università di Ancona e Siena, col supporto di Enoteca Italiana e di Federvini, e il patrocinio dei ministeri delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali e della Salute, oltre alla Società Italiana di Nutrizione Umana. Tra i meccanismi attraverso cui le bevande alcoliche esplicano il loro benefico effetto, particolare interesse ha suscitato la teoria dell’ormesi presentata da Fulvio Urisini dell’università di Padova secondo la quale effetti apparentemente contrastanti possono essere osservati a dosi moderate o eccessive di sostanze nutrienti: ciò spiegherebbe l’effetto protettivo delle bevande alcoliche a dosi moderate e il loro effetto tossico a quantità più elevate. Promettenti, inoltre, gli studi sulla capacità del vino di modulare i sistemi molecolari che regolano i meccanismi di longevità delle cellule e di controllare l’attività di numerosi geni correlati all’infiammazione. Annunciata poi la costituzione di un gruppo di contatto permanente tra i ricercatori e per iniziative volte a migliorare la ricerca e l’informazione sul tema alcol e salute. I risultati del seminario, che saranno pubblicati su un supplemento speciale della rivista scientifica European Journal of Nutrition, ”ci aiuteranno a comunicare il messaggio che il nostro ente da quasi ottant’anni sta portando avanti: il bere moderato come parte integrante di una corretta alimentazione” ha detto il presidente di Enoteca Italiana Claudio Galletti. ”Da tempo siamo impegnati – ha concluso il presidente di Federvini Lamberto Vallarino Gancia – nella promozione di modelli di consumo moderato e responsabile attraverso il sostegno e la divulgazione dello stile mediterraneo. Ci fa quindi molto piacere che il mondo della ricerca scientifica crei occasioni di confronto di alto livello e ci coinvolga su un tema così importante quale quello del ruolo delle bevande alcoliche all’interno della dieta mediterranea”.(ANSA).

Un Commento in “Chi beve il giusto rischia meno di astemi e forti bevitori”

  • Ettore scritto il 14 giugno 2011 ammartedìTuesdayEurope/Rome 0:41

    ‎”In Italia le vendite di vino sono calate del 70 per cento negli ultimi 40 anni. Gli italiani ci hanno guadagnato in qualità e durata della vita, in salute e in sicurezza, anche se molto resta da fare. Alcuni ci hanno perso in soldi: viticoltori, aziende vinicole piccole e grandi, distributori, venditori, gestori di locali e discoteche. Per questo è in atto una sistematica controffensiva di promozione al bere da parte di una casta potentissima, protetta da politici e alleata a divulgatori (pseudo)scientifici.” dall’introduzione al libro La Casta del Vino di Enrico Baraldi e Alessandro Sbarbada (http://www.stampalternativa.it/libri/978-88-6222-185-6/enrico-baraldi-e/la-casta-del-vino.html)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.