Chianti Classico: vola export e nasce l’Accademia

chianti
Un’Accademia dedicata al territorio del Chianti Classico e ai suoi vini. E’ quanto annunciato oggi a Firenze in occasione di Chianti Classico Collection, l’anteprima delle nuove annate. L’accademia nascerà la prossima primavera a Radda in Chianti (Siena), all’interno del settecentesco Convento di Santa Maria al Prato. Il progetto lanciato dal Consorzio del Chianti Classico prevede la nascita di un vero e proprio polo culturale e centro di formazione dove turisti, appassionati ed esperti del settore potranno approfondire le proprie conoscenze sul territorio del Gallo Nero. La struttura, al termine di un restauro durato una decina di anni, è stata trasformata un centro polifunzionale che ospita al suo interno aule didattiche attrezzate, spazi espositivi per mostre ed eventi di vario genere e fra breve anche un bookshop, un winebar e un’enoteca esclusivamente dedicata alle etichette del Chianti Classico. Nell’accademia si terranno corsi di ‘enografia’, territori, tecniche di degustazione e abbinamenti cibo-vino. A partire da un corso base di tre ore, una sorta di Abc del Chianti Classico, si arriverà a lezioni più approfondite della durata di 1-3 giorni. Presso l’Academy sarà inoltre possibile seguire corsi organizzati e condotti dal Wine & Spirit Education Trust (Wset), partner internazionale della Chianti Classico Academy, fondato nel 1969 con lo scopo di offrire percorsi formativi nel settore enologico.

L’analisi delle vendite
Un aumento delle vendite del 10%, grazie soprattutto all’export che assorbe l’80% della produzione, pari a 258 mila ettolitri. E’ il risultato conseguito dal Chianti Classico nel 2012 e presentato stamani a Firenze dal presidente del Consorzio Sergio Zingarelli e dal direttore Giuseppe Liberatore nell’ambito di Chianti Classico Collection, la presentazione delle nuove annate di vino. Sul fronte dei mercati di sbocco gli Stati Uniti si confermano al primo posto, consumando il 28% della produzione. Seguono la Germania (12%), e poi il Canada, l’Inghilterra, e la Svizzera (a quota 7%). Il mercato italiano si attesta invece al 20%. Secondo il consorzio continua anche positivamente il trend della riduzione delle giacenze, che lo scorso anno sono diminuite del 5% rispetto al 2011, e quello del rialzo del prezzo dello sfuso, passato da luglio 2012 ad oggi dai 120-140 euro ai 150-175 euro a ettolitro. Lo scorso anno la produzione di vino Chianti Classico ha raggiunto i 235 mila ettolitri, registrando un -16% rispetto all’anno precedente, l’annata più scarsa degli ultimi 20 anni. Complice una stagione siccitosa mitigata però dalla buona escursione termica notturna e dalle piogge cadute da settembre in poi, che hanno permesso una buona maturazione delle uve, specie per il Sangiovese. Nel complesso il Chianti Classico conta un fatturato stimabile in oltre 500 milioni di euro, e un valore della produzione vinicola imbottigliata di 360 milioni di euro, e di 10 milioni per quanto riguarda quella olivicola.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.