Cia Bologna: l’ombra delle speculazioni anche sulle pere

Dopo le bassissime quotazioni di pesche e nettarine, ora la crisi colpisce anche le pere: in media, il prezzo percepito dai produttori e’ di 15/20 centesimi in meno al chilogrammo rispetto allo scorso anno. “C’e’ l’ombra della speculazione anche in questo comparto dell’agricoltura bolognese – commenta Raffaella Zanni, presidente provinciale Cia – Le prime quotazioni sono basse anche di fronte ad una offerta produttiva nella media. Escherichia Coli, bassi consumi ed ‘effetto crisi pesche’ stanno compromettendo anche le varieta’ pregiate”. Nelle Provincie di Ferrara, Bologna e Modena si coltiva il 70% delle pere italiane (la produzione in Italia mediamente e’ di 850.000 tonnellate) ed in particolare l’Abate Fetel, pregiata varieta’ settembrina, si produce solo in Emilia. “Temiamo che i prezzi bassi delle prime produzioni, Wuilliam’s e Conference condizionino le quotazioni delle varieta’ pregiate come , appunto, l’Abate Fetel – prosegue Zanni – con effetti devastanti”. Dopo la raccolta e’ forte il rischio – denuncia ancora la Cia – estirpare molte superfici a frutteto con un impoverimento produttivo ed occupazionale della provincia bolognese. Tra le proposte per affrontare la crisi, aggregare l’offerta e sottoscriver un accordo interprofessionale tra produttori e grande distribuzione per assicurare un’equa remunerazione della frutta ed un giusto prezzo ai consumatori. (AGI)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.