Cia: giovani bravi in ‘ecobusiness’

Un terzo delle superfici coltivabili del Paese è a rischio desertificazione e l’85 per cento dei comuni è colpito da dissesto idrogeologico: bisogna dunque lavorare a una ‘rivoluzione verde’ del settore agricola, quella che i giovani produttori stanno già realizzando nelle loro aziende, diventnado protagonisti nella tutela del territorio. E’ quanto dichiara il presidente della Cia-Confederazione italiana agricoltori, Giuseppe Politi, alla Giornata dell’agricoltura nell’ambito della Festa nazionale del Pd a Reggio Emilia. “Mai come in questa stagione di siccità prolungata – osserva Politi – il progressivo stato di degrado del suolo italiano diventa una priorità assoluta. Nell’ultimo decennio nel nostro Paese le precipitazioni sono diminuite in modo preoccupante: meno 20 per cento al Sud, meno 15 per cento al Nord e meno 9 per cento al Centro. Con conseguenze disastrose sulla produttività del suolo. Ma non solo. L’agricoltura perde terreno anche a causa della cementificazione selvaggia, che ha ‘divorato’ 5 milioni di ettari negli ultimi quarant’anni, e continua ad accelerare facendo prevedere tra vent’anni un consumo di suolo pari a più di 70 ettari al giorno”. “Si tratta di cifre che impongono al settore primario di voltare pagina – aggiunge Politi – In questo senso diventa fondamentale la lezione dei giovani agricoltori che vanno a collocarsi nei comparti più eco-compatibili del settore, dal biologico agli agriturismi, fino alla vendita in azienda, che è appannaggio del 22,6 per cento degli ‘under 40’ contro il 15 per cento degli ‘over’. C’è chi si specializza nella produzione e nella manutenzione del verde, dall’aiuola al giardino pensile, chi cura la gestione degli invasi e dei laghi artificiali, fino alla gestione delle aree a vocazione turistica e ambientale”. “A tenere lontano dai campi tanti potenziali imprenditori di successo – conclude Politi – oggi sono soprattutto la difficoltà di accesso alla terra e il carico burocratico. E questa è un’occasione persa per il settore”. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.