Cia: persi per la burocrazia 7200 euro e 100 giorni all’anno

Le aziende agricole italiane spendono in media per la burocrazia 7.200 euro l’anno (due euro ogni ora) e impiegano per gli adempimenti chiesti dalla pubblica amministrazione centrale e locale cento giorni all’anno: la denuncia arriva dalla Confederazione degli agricoltori Cia secondo la quale il costo per il settore nel complesso per la burocrazia supera i 3 miliardi di euro l’anno. Nel 58% dei casi gli imprenditori agricoli sono costretti ad assumere qualcuno che segua i rapporti con la pubblica amministrazione mentre nel 42% dei casi ci si rivolge ad un professionista. “La burocrazia – afferma la Cia – “rappresenta ormai un fardello molto pesante per l’intero settore agricolo che ogni anno si vede sottrarre da questo vero e proprio “divoratore” di risorse più di 3 miliardi di euro, il 30%o dei quali addebitabile ai ritardi, disservizi e inefficienze della Pubblica amministrazione”. Le cifre diventano ancora più macroscopiche se si prende in considerazione l’insieme dell’imprenditoria del nostro Paese, che spende in burocrazia oltre 21 miliardi di euro l’anno (più di duemila euro a impresa in media). “Avviare un’azienda in Italia – denuncia la Cia – costa, 18 volte in più rispetto alla media europea. Stesso discorso per ottenere le autorizzazioni per costruire una struttura aziendale: bisogna espletare più di venti pratiche, aspettare mediamente circa 300 giorni (negli Stati Uniti ne bastano 60) e spendere il triplo rispetto ad un paese come la Spagna. E ancora: per pagare imposte e contributi, divisi in più di venti diversi versamenti nel corso dell’anno, il titolare di un’impresa agricola italiana perde complessivamente 360 ore, contro le 203 della media europea”. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.