Cia, situazione ancora difficile per l’agricoltura


Agricoltura ‘in rosso’ anche nel 2010. E’ quanto emerge dalle prime stime della Cia sull’annata agraria, elaborate sulla base degli ultimi dati dell’Ismea, che evidenziano un calo della produzione e del valore aggiunto, prezzi all’origine in frenata, costi in crescita, e redditi degli agricoltori ancora in discesa. In calo anche i consumi alimentari per cui la Confederazione italiana agricoltori prevede a fine anno una diminuzione tra l’1 e il 2%. ”Non si dovrebbero toccare i livelli negativi del 2009, ma anche il 2010 rischia di diventare ‘un anno da dimenticare’ per l’agricoltura italiana”, precisa in una nota la Cia che stima ”un calo della produzione del 2%, determinato soprattutto dalle coltivazioni (-3%), del valore aggiunto del 2,5-3% e dei prezzi all’origine del 3-4% (-14% nel 2009), a fronte di costi (produttivi, contributivi e burocrati) in ulteriore crescita tra il 2-3% (+12% nel 2009). Il risultato sarebbe un taglio dei redditi degli agricoltori tra il 5-7%: decisamente meno drastico – precisa la Cia – rispetto ai precedenti dodici mesi, quando la flessione era stata di circa il 21%”. In crescita, invece, le previsioni sull’export (+3,3% in valore) mentre l’import e’ in rallentamento. Pertanto le stime della Cia danno ”una notevole riduzione del disavanzo della bilancia commerciale agroalimentare: -24% in volume e -10% in valore”. Per quanto riguarda invece i consumi alimentari domestici, ”si dovrebbe avere a fine anno una diminuzione tra l’1 e il 2%”. Dopo il lieve incremento tendenziale del primo trimestre 2010 (+0,8%), le stime dell’Ismea – ribadisce la Cia – indicano per il periodo aprile-giugno una battuta d’arresto (-0,6%). Cio’ fa prevedere per il primo semestre 2010 consumi domestici stabili, mentre la spesa continua a diminuire a causa anche della riduzione dei prezzi al consumo (-2,8% la variazione media riferita al primo semestre del 2010). Ma le dinamiche di acquisto risultano molto differenti da settore a settore. ”La stagnazione dei consumi domestici nei primi sei mesi del 2010 riguarderebbe di fatto – sottolinea la Cia – solo alcuni dei principali aggregati: derivati dei cereali, carni suine e salumi, frutta e agrumi. Appaiono in flessione, invece, i consumi di prodotti ittici, vini e spumanti e carni bovine, mentre risulterebbero in crescita latte e derivati, ortaggi e patate, olio di oliva e carni avicole. Tra i derivati del frumento (+0,2% nel primo semestre 2010), continua la flessione dei consumi domestici di pasta (-3,6%) e pane (-2,4%), nonostante il calo dei prezzi nel primo caso e l’ulteriore crescita dei prezzi nel secondo caso. La frutta fresca ha invece registrato un calo dei volumi di acquisto (-1,5% nei primi sei mesi) e la concomitante riduzione dei prezzi medi al consumo ha provocato un’accentuata flessione della spesa (-11,5%)”. (ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.