Cibus: piace e cresce il cibo a marchio dei supermarket

Nella grande distribuzione “in questi anni la marca commerciale (o ‘private label’) è cresciuta e non solo in termini quantitativi, ma anche nel posizionamento e nel ruolo è una tendenza al miglioramento della qualità. Non è più solo un’alternativa di prezzo alla marca industriale”. Lo ha detto, al Cibus, il preside della facoltà di Economia dell’Università di Parma Giampiero Lugli, al convegno a cura di Adem Lab, Università di Parma e Nielsen. La marca commerciale è sempre meno legata all’insegna (si stanno sviluppando linee premium e superpremium con nomi di fantasia). “Questo sistema è un driver per l’estero – ha detto ancora Lugli – e il rapporto può essere diretto quando si produce la marca privata di un’insegna straniera o indiretto, quando si produce per un retailer che a sua volta condivide marche commerciali con altre insegne che operano in mercati non sovrapposti. Il rapporto industria-distribuzione, dunque, è completamente cambiato: una volta il fornitore della private label veniva tenuto segreto. Oggi viene indicato perché è chiaro che dà una garanzia di qualità”. A ncora delle problematiche della Grande distribuzione si è parlato nel convegno “Copacker e Grande distribuzione: standard economici, produttivi e di qualità nei rapporti di filiera”, organizzato da Om società che si occupa di formazione, editoria e comunicazione. Ha partecipato, tra gli altri, Luigi Rubinelli, direttore di Retail Watch.it, il quale nel delineare le strategie vincenti per incrementare le vendite curando gli interessi dei consumatori, ha parlato della necessità da parte della Gdo di incrementare la qualità dei prodotti a marchio puntando sull’innovazione. “I punti vendita monomarca – ha concluso – potrebbero essere un punto di partenza, ma come sostiene Rubinelli, la forza della Gdo deve essere ricercata nella creazione di sinergie con i copacker che permettano di irrompere nel mercato con prodotti a marchio identificati da brand di insegna e di fantasia agevolmente esportabili, soprattutto per i prodotti che tutto il mondo invidia: i Made in Italy”. (ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.