Clima: dieta meno sana, meno salute

sementiDieta meno sana per colpa dei cambiamenti climatici: entro il 2050 questo fattore potrebbe causare la morte di oltre mezzo milione di persone all’anno, tre quarti solo in Cina e India, ma con effetti gravi anche in Paesi come l’Italia. Secondo un nuovo studio pubblicato su Lancet, a causa dei mutamenti del clima la popolazione globale avrà a disposizione sempre meno frutta e verdura nei prossimi decenni, alimenti vitali contro malattie cardiache, infarti, cancro. L’aumento delle temperature, siccità più frequenti, fenomeni meteo sempre più estremi provocano gravi sofferenze all’agricoltura globale e quindi alla disponibilità di cibo. Secondo lo studio i Paesi più colpiti sarebbero quelli con redditi bassi o medi, per lo più nella regione del Pacifico occidentale e nel Sud-est asiatico. Tre quarti delle morti legate ai cambiamenti del clima in Cina (248 mila) e India (136 mila). Tuttavia in rapporto alla popolazione anche Grecia e Italia risulterebbero colpite. In Grecia la stima è di 124 decessi su un milione di abitanti e in Italia 89 morti su un milione. Il team di ricerca, guidato dall’Università di Oxford, ha preso in esame uno dei peggiori scenari dei modelli sui cambiamenti climatici, in cui la temperatura del globo è di due gradi al di sopra di quella del periodo 1986-2005. A queste condizioni si stima che nel 2050 la disponibilità di cibo possa calare del 3,2%: le persone mangeranno il 4% in meno di frutta e verdura e lo 0,7% in meno di carne. Consumi che si tradurranno in centinaia di migliaia di morti evitabili, poco più di mezzo milione all’anno. Se non ci fossero gli effetti dei mutamenti climatici, invece, la disponibilità globale di cibo aumenterebbe di oltre il 10% e si potrebbero salvare almeno 2 milioni di vite.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.