Clima trasforma zone origini vitigni e ‘rivoluziona’ vini

bordeauxIn un futuro non troppo lontano, chi vorrà continuare a bere un Pinot nero o uno Chardonnay, dovrà ‘accontentarsi’ di quelli cresciuti in vigne tedesche, e non più della Borgogna o della regione di Bordeaux. Il riscaldamento provocato dall’uomo negli ultimi 30 anni, che ha già fatto anticipare di 2 settimane la vendemmia dal 1980, promette di cambiare infatti la geografia dei vini e delle zone di origine. Bisognerà puntare su varietà di uva adatte a climi più caldi, e spostare questi celebri vitigni in altre zone, finora considerate troppo fredde.
E’ la previsione dello studio pubblicato sulla rivista Nature Climate Change e coordinato da Benjamin Cook, del centro Goddard della Nasa, che ha passato in rassegna i dati dei vitigni di Francia e Svizzera dal 1600 al 2007.
L’analisi mostra che dal 1980 in poi le vendemmie d’Oltralpe iniziano due settimane prima rispetto a 400 anni fa. Finora le annate migliori per un vino di qualità erano considerate quelle con estati calde e piogge sopra la media all’inizio della stagione di crescita e siccità alla fine. Ma i ricercatori hanno visto che mentre le temperature calde portano ad un anticipo delle vendemmie e vini di maggiore qualità, dal 1980 l’impatto della siccità e’ praticamente scomparso per via del cambiamento climatico, tanto da renderla sostanzialmente ‘inutile’ ai fini della maturazione dell’uva per la vendemmia.
Le regioni interessate sono quelle più famose, come Alsazia, Champagne, Borgogna, e Lingua d’oca, dove vengono prodotti Pinot nero, Chardonnays e altre varietà adatte a climi più freddi. Le ondate di calore estremo sono diventate più frequenti a causa del riscaldamento indotto dai gas serra. La Francia si e’ riscaldata di 1,5° gradi in più nel 20° secolo, e la salita continua.
”Finora un’annata buona era un anno caldo – aggiunge Wolkovich – Ma Il 2003, l’anno con l’anticipo record di un mese della vendemmia, non ha prodotto vini particolarmente eccezionali. Cio’ significa che se il calore continua a salire, i vigneti non potranno resistere per sempre”. Sarà quindi necessario puntare su varietà di uve differenti, sconvolgendo cosi’ la geografia delle zone di origine e dei vitigni.
Proiettando questo effetto entro il 2050, un altro studio ha previsto che i due terzi delle attuali regioni del vino potrebbero non avere più il clima adatto ai vitigni attuali, ma altre regioni potrebbero esserlo. Le uve non più adatte alla Napa Valley californiana potrebbero trovare rifugio a Washington o nella British Columbia, mentre le vigne australiane potrebbero doversi spostare in Tasmania. (di Adele Lapertosa – ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.