Co.Pad.Or. 30 milioni per il rilancio di Berni

Il Consorzio Padano Ortofrutticolo (Co.Pad.Or) investira’ nei prossimi tre anni 30 milioni nel rilancio di Berni, lo storico marchio del ‘Condiriso’, acquisito a inizio anno. Tre le linee su cui si muovera’: marketing del marchio, ricerca e sviluppo di nuovi prodotti e comunicazione, anche sul web. L’ha spiegato Michele Pedrazzoni, direttore generale. Il gruppo (fatturato aggregato di 95 milioni) punta anche all’estero. Anche se sa che il Condiriso (80% del fatturato Berni) e’ talmente tipico che all’estero proprio non decolla, e viene venduto solo in ‘nicchie di mercato” ovvero dove vivono comunita’ italiane, in Australia o Stati Uniti. ”La nostra garanzia piu’ grande non sta in Italia – ha spiegato il presidente Fausto Gandolfi – ma in quello che riusciriemo a fare internazionalmente, perche’ solo con l’Italia non ce la facciamo”. Cosi’ e’ il pomodoro destinato alla conquista dell’estero, dove gia’ il gruppo realizza un fatturato di circa 25 milioni all’anno e viene venduto il 30% del ‘rosso’, il derivato dal pomodoro. Per il mercato straniero allora il consorzio punta su sughi, pesto e polpe gia’ aromatizzate ”perche’ sui rossi all’estero ci sono differenze marcate di gusto, che devono essere piu’ ricchi e piu’ ‘indecifrabili”’. Nelle strategie di sviluppo anche ”contatti con alcune referenze del Nord Europa per diventare produttori ‘a marchio”’. Ma nel futuro c’e’ anche sempre piu’ ambiente. Dopo la realizzazione di un impianto fotovoltaico sul tetto sullo stabilimento di Collecchio (Parma), e’ allo studio con l’amministrazione del Comune la realizzazione di un impianto per produrre energia da biomasse perche’ ”avendo un solo prodotto (le bucce di pomodoro, ndr) ci servono residui diversi altrimenti non riusciamo ad arrivare a un valore ideale di progetto per produzione di energia e smaltimento” ha concluso Gandolfi.

Un Commento in “Co.Pad.Or. 30 milioni per il rilancio di Berni”

  • susanna trevisan scritto il 24 maggio 2010 pmlunedìMondayEurope/Rome 23:02

    praticamente con queste dichiarazioni si può immaginare quale sarà il futuro dello stabilimento di gragano tr chiusura totale imminente e dei lavoratori che ci avevano creduto peggio per loro quello che solo conta sono i soldi e il potere è una vera tristezza

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.