Coca Cola sempre più “diet”, campagna contro l’obesità

obesi
Per la prima volta Coca Cola prende di petto il tema della obesità e lancia una campagna contro gli eccessi a tavola che prevede sia una serie di spot sui principali network Usa sia lo sviluppo delle opzioni ‘diet’ nei distributori automatici di bevande. Per la multinazionale con sede a Atlante si tratta di una rivoluzione della comunicazione del brand tra i più noti al mondo. Ed è un passo che il colosso Usa fa a partire da casa propria, gli Stati Uniti, dove é più forte il dibattito sia sul junk food, con l’impegno in prima persona della first lady Michelle Obama, che sugli effetti dell’assunzione delle bibite gassate e con edulcoranti. Del resto, nell’ultimo decennio (anni 2000-2010) i cittadini Usa obesi gravi sono aumentati, secondo un recente studio dell’economista Roland Sturm, del 70%, passando dal 4% al 7% della popolazione per un totale di 15 milioni di persone. E l’ultimo rapporto del “Journal of Obesity” stima che i cittadini “mediamente grassi” rappresentino più di un terzo della popolazione americana. A partire da oggi la Coca-Cola manderà in onda in tv una serie di spot pubblicitari di due minuti durante le trasmissioni di punta dei maggiori network americani. Il messaggio è che l’aumento di peso è dovuto al consumo di calorie in eccesso di qualsiasi tipo, non solo dalle bibite gassate. In linea con il dettato di gran parte dei nutrizionisti, ma anche con la guerra ai maxi formati dei drink avviata dal sindaco di New York, Michael Bloomberg. Presto, nella Grande Mela, entrerà in vigore il divieto di vendita di bibite gassate formato extralarge nei ristoranti, cinema e aree pubbliche; e anche dal sindaco di Cambridge in Massachusetts intende replicare il veto ai maxi-drink. In Italia il ministro della Salute Balduzzi sta chiedendo più frutta nei bevande e ha promosso un decreto ad hoc su questo. Secondo fonti stampa americane, la campagna può essere interpretata come una mossa per rispondere alle costanti pressioni a cui è sottoposto il comparto delle bibite gassate. Ma è lo stesso gigante Usa a smentire di giocare in difensiva: “Questa campagna – ha detto Diana Garza Ciarlante, portavoce della Coca-Cola – non è una reazione ad un pubblico sentimento negativo. L’azienda ha semplicemente sentito il bisogno di affrontare la questione e di entrare a far parte del dibattito intorno all’obesità”.(ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.