Coccarda tricolore negli agriturismi

“Attraverso l’agriturismo, gli italiani hanno maturato una più profonda conoscenza dei luoghi e delle comunità del nostro Paese” cosi’ afferma Vittoria Brancaccio, presidente di Agriturist (Confagricoltura):
In vista della Festa dell’Unità d’Italia, in programma giovedì 17 marzo,
l’Agriturist, associazione per l’agriturismo della Confagricoltura, ha
invitato le 1600 aziende associate ad esporre nel proprio sito internet la
coccarda tricolore che ricorda i 150 anni di storia unitaria del nostro
Paese, già in evidenza anche sul portale WEB nazionale www.agriturist.it
.
Il presidente, Vittoria Brancaccio: “Con questa iniziativa abbiamo voluto
sottolineare il contributo che l’agriturismo, nei suoi 45 anni di storia
dalla fondazione dell’Agriturist, ha dato alla consapevolezza dell’unità
nazionale, portando gli italiani a visitare ogni angolo del nostro
territorio, laddove in precedenza, il turismo non era mai arrivato”.
“Grazie all’agriturismo – prosegue il presidente di Agriturist – abbiamo
anche ricucito la frattura fra cultura urbana e cultura rurale, venutasi a
creare nel secondo dopoguerra col massiccio ridimensionamento dei lavoratori dell’agricoltura, l’industrializzazione, la crescita delle città. In quel periodo l’agricoltura italiana portava con sè memorie di miseria e di
inferiorità sociale; oggi è meta di vacanza, protagonista della difesa del
paesaggio e della natura, custode di preziose radici culturali che gli
italiani amano conoscere e valorizzare nel segno di una identità comune”. La Festa dell’Unità d’Italia sarà dunque, non solo una preziosa occasione di “ponte” che compensa le aziende agrituristiche per la coincidenza del 25 aprile con la Pasquetta e del Primo Maggio con una domenica, ma soprattutto un gioioso incontro di italiani con italiani, nella bellissima cornice delle nostre campagne, testimoni di lavoro, tradizioni, costumi che, nella loro straordinaria varietà, rendono “unico” il nostro Paese.”Vorremmo – aggiunge Vittoria Brancaccio – che la Festa dell’Unità d’Italia fosse occasione, non solo per guardare indietro, ma anche per rinsaldare la comune consapevolezza di vivere in un territorio fra i più belli e ricchi di storia del Pianeta. Soprattutto negli ultimi trent’anni, abbiamo maltrattato questo straordinario patrimonio, arretrando anche dal punto di vista turistico. E’ urgente cambiare rotta, pensare al turismo come pilastro dello sviluppo economico, con intelligenza e lungimiranza”. La domanda per il ponte del 17-20 marzo, secondo i rilevamenti effettuati da Agriturist sul portale WEB www.agriturist.it , sta rapidamente crescendo: in questa settimana i contatti sono aumentati del
23%. L’Associazione prevede che gli ospiti alloggiati negli agriturismi
saranno oltre 150 mila, per una media di 2,3 notti; i pasti offerti,
rigorosamente caratterizzati dalla tradizione enogastronomica locale,
saranno circa un milione.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.