Coldiretti: allarme soia. Prezzo cresciuto del 25% da inizio anno

Il prezzo della soia è cresciuto più di quello dell’oro. Con un aumento record di quasi il 25% dall’inizio dell’anno ha raggiunto la quotazione di circa 14,9 dollari a bushel (42 centesimi al chilo) per consegne a luglio, il massimo dall’estate 2008 al Chicago Board of Trade (Cbot), punto di riferimento del mercato a livello internazionale. Lo afferma la Coldiretti sottolineando che – secondo l’allarme lanciato dal Financial Times – l’aumento delle quotazioni della soia utilizzata come biocarburante, ma anche per l’alimentazione umana ma soprattutto animale per mucche, maiali e polli, potrebbe generare una nuova ondata mondiale di inflazione. L’impennata delle quotazioni della soia “fa impallidire quella dell’oro – afferma Coldiretti – che dall’inizio dell’anno ha messo a segno solo un timido aumento del 6%”. L’andamento delle quotazioni dei prodotti agricoli – rileva la Coldiretti – è sempre più fortemente condizionato dai movimenti di capitale che si spostano con facilità dai mercati finanziari a quelli dei metalli preziosi come l’oro, fino alle materie prime come grano, mais e soia. Manovre finanziarie che stanno giocando senza regole sui prezzi delle materie prime agricole provocando una grande volatilità, impedendo la programmazione e mettendo a rischio coltivazioni e l’allevamento in molti Paesi poiché soia e mais sono due componenti fondamentali della dieta alimentare degli animali in stalla per la produzione di carne e latte. Garantire la stabilità dei prezzi in un mercato a domanda rigida come quello alimentare è un obiettivo di interesse pubblico che – conclude Coldiretti – va sostenuto con l’introduzione di interventi di mercato innovativi come le assicurazioni sul reddito nell’ambito della riforma di mercato della politica agricola comune che la Commissione Europea si accinge a varare”. (ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.